Attacco a Westminster – Il terrorismo Open Source

OK, ragazzi, tanto per cambiare abbiamo avuto un attacco terroristico a Londonistan. Intendiamoci, ritengo Londonistan un tale cagaio che non credo sia possibile peggiorarla se non con un’invasione da parte dei Supplizianti di Hellraiser, ma prendiamo comunque in esame il caso dato che ci tocca un poco tutti.

Il fatto

Il 22 Marzo 2017 il signor Khalid Masood ha noleggiato un SUV Hyundai Tucson ed ha guidato fino a Londonistan. Arrivato al ponte di Westminster è salito sul marciapiedi e ha iniziato a investire pedoni a casaccio. Da notare una rumena che ha fiutato il pericolo e si è tuffata nel Tamigi, salvandosi le chiappe. Come al solito, i rumeni sanno sempre cosa fare quando arrivano i musulmani! Continuando sulla strada Khalid ha girato a sinistra, ha fermato il SUV e ha accoltellato il povero sbirro inglese in servizio al casello d’entrata. Nel caso non lo sapeste, qui in generale gli sbirri sono disarmati. Khalid non ha avuto il tempo di farsi i selfie col cadavere perchè sono arrivati vari agenti in borghese (molto armati) che lo hanno ridotto a un gruviera. Nella foto, le ultime parole del terrorista:

Ciao ciao, Khalid! Che la terra ti sia pesante, e che le 71 vergini siano capre!

L’attentatore

Contrariamente a quanto molti geniacci potrebbero pensare, Khalid non era un immigrato arrivato fresco fresco dal Pakistan, e nemmeno un fanatico religioso. Il nostro amicone è nato e cresciuto in UK, era cittadino UK a tutti gli effetti e aveva condotto una vita normalissima: 52 anni, moglie e figli, convertitosi all’Islam in età adulta e mai coinvolto in attività terroristiche o in episodi di fanatismo religioso. In vita sua aveva avuto varie condanne, ma tutte per reati comuni tipo risse, lesioni personali e possesso di arma da taglio. Insomma, Khalid Masood era tutto tranne che la figura tipica del terrorista, anzi era il prototipo del musulmano occidentalizzato e integrato che se ne fotte altamente dell’Islam e della religione in generale.

Conseguenze

Bene, spero che questo fatto vi sia piaciuto, perchè è meglio se ci facciamo l’abitudine. Gli attacchi del genere saranno sempre più comuni, e non ci si potrà fare mai niente. Khalid era insospettabile fino all’ultimo, anche se un poliziotto lo avesse fermato cinque minuti prima dell’attentato non avrebbe trovato niente di strano in un cittadino inglese di Birmingham che affitta un SUV e va a Londra per farsi i cazzi propri. Anche a perquisirlo, non gli avrebbero trovato addosso nulla di illegale

Mi fanno morire dal ridere quelli che urlano “A E’ COLPA LORO BISOGNA RIMANDARLI TUTI A KASA LORO BASTA KN BUONISMO PADRONI HA KASA NOSTRA”. Ma dove cazzo li vuoi rimandare? Khalid era cittadino inglese nato in UK. Gli attentatori di Parigi erano parigini nati e residenti a Parigi. Che fai, li rimandi a casa? A letto senza cena?

Ci stiamo trovando di fronte un fenomeno pressochè unico nella storia. Di solito gli immigranti delle generazioni successive tendono ad integrarsi e a fregarsene della cultura dei genitori. Invece noi ci troviamo di fronte degli immigranti di seconda o terza generazione assai più radicalizzati dei loro genitori, al livello da rimproverare le loro madri perchè girano senza velo. E’ una generazione perduta, radicalizzata dagli imam locali finanziati dai sauditi, piena di disprezzo per la cultura occidentale e senza neanche la possibilità di tornarsene nei paesi dei loro genitori, con cui non hanno nessun legame.

In pratica, viviamo in una società dove basta veramente un niente per trasformare un cittadino normalissimo in un attentatore suicida disposto a morire, anzi felice di morire, pur di fare danni e andarsene in un lampo di gloria. Come si ferma un nemico del genere? E’invisibile, mortale, e non si fa intimidire da niente e da nessuno. Nessuna condanna penale e nessuna galera lo fermerà nemmeno per un secondo, lui sa benissimo che non ci andrà mai.

Un attentato del genere ha fatto relativamente pochi danni, e nessun danno alle istituzioni. Khalid non è neanche riuscito ad entrare a Westminster. Nonostante ciò, il suo attentato è stato un successo: ha sparso terrore a piene mani, è costato una quantità enorme di soldi e di manodopera allo stato, e ha dimostrato che nessuno è al sicuro. OK, il Parlamento è blindato e non ci entra nessuno, ma non si possono blindare tutte le strade d’Europa e il cittadino europeo ha molta più paura di un terrorista che lo spiaccica per strada che del terrorista che fa saltare in aria il parlamento (anzi, è probabile che nel secondo caso gli darebbe pure una mano).

Il terrorismo “Open Source”

Il cosiddetto terrorismo Open Source è il modo in cui il terrorismo si è adattato alla società blindata e ultracontrollata di oggi. Le forze dell’ordine hanno sventato la quasi totalità degli attentati in grande stile degli ultimi anni. I commandos terroristi con l’appartamento trasformato in officina bombarola vengono arrestati, fatti parlare e incarcerati per anni. I gruppi di terroristi con i capi e gerarchia finiscono SEMPRE per essere scoperti, e i loro capi finiscono SEMPRE in carcere duro. Il terrorista che si organizza da solo senza parlare con nessuno è introvabile. Quello che si scarica i piani per un’arma da Internet è difficile da trovare tra le migliaia che lo fanno, e in ogni caso basta poco per essere introvabili. Quello che usa oggetti di uso comune, come un’auto o un coltello da macellaio è introvabile fino a che non ammazza qualcuno, ma a questo punto il danno è già fatto. Per la cronaca, l’ISIS ha rivendicato la paternità dell’attentato, ma ciò non è molto credibile.

Alcuni idioti si chiedono come mai il terrorismo colpisce sempre la gente comune e mai “i potenti”. Ma cazzo, che ci vuole a capirlo? Cercare di colpire un potente equivale a farsi seccare dalle sue bodyguards o a farsi mettere in galera appena si pensa di attentare alla vita di un VIP. Un atto di terrorismo che colpisce persone comuni a casaccio spande terrore, e incorre in molti meno rischi dato che le persone comuni sono meno protette dalle forze dell’ordine e non hanno sicurezza privata.

Insomma, non c’è alcuno scampo, a meno che non si trasformi la società in una specie di distopia nazistoide in cui sono tutti controllati ancora più di quanto non siano adesso. Prepariamoci ad un’era di paranoia continua e di panico animalesco, in cui il primo che ti trovi davanti può compiere un massacro senza nessun preavviso e nessun motivo apparente. Siamo nella merda.

Grazie, culona inscopabile!

 

UPDATE

Sembra che il nostro amico sia stato radicalizzato da un predicatore durante un suo soggiorno in galera, ambiente in cui i predicatori wahhabiti amano fare proseliti. Durante il soggiorno al gabbio, sembra che Khalid abbia avuto una “illuminazione” che lo abbia portato a lasciare la moglie, fregarsene delle figlie, andarsi a mettere con una pazza fanatica e dedicarsi all’estremismo. Non sarebbe l’unico ad avere seguito un percorso simile.

 

Fonti

http://www.birminghammail.co.uk/news/midlands-news/khalid-masood-named-birmingham-terrorist-12787878

https://www.theguardian.com/uk-news/ng-interactive/2017/mar/22/westminster-attack-visual-guide-parliament

https://www.theguardian.com/uk-news/2017/mar/23/no-surprise-that-london-attacker-was-born-in-uk

2083 – Una dichiarazione di indipendenza europea – Libro 2.49 I musulmani moderati e l’islamizzazione

2.49 I musulmani moderati e l’islamizzazione

(1) Chi sono i nostri nemici? Sono solo gli islamici che compiono materialmente gli attentati? 
(2) Perché i musulmani moderati non si oppongono ai fanatici? Sono veramente contro di loro? Sono dalla loro parte o dalla nostra? 
Il terrorismo è solo uno strumento, una tattica usata dagli islamici per i loro scopi. In caso, i musulmani non si farebbero problemi ad abbandonare il terrorismo se avessero tattiche migliori a disposizione. Il terrorismo non è il nostro nemico, ma solo uno dei tanti strumenti usati dai nostri veri nemici. Alcuni usano il termine “guerra al terrorismo” per essere politicamente corretti e per non fare innervosire i musulmani, finendo così per fare il loro gioco e non dover dire quale sia il vero nemico. Dobbiamo definire chiaramente quali islamici siano i nostri nemici, e perchè.
La dottrina islamica non consiste solo nel Corano, ma anche nelle Sunna (Ahadith e Sira). In questi testi ci sono versi pacifici e violenti, ma i versetti più pacifici e tolleranti (quelli scritti alla Mecca) vengono abrogati dai versetti violenti e intolleranti scritti dopo, a Medina. Ci sono alcuni versetti che invitano alla pace verso i non musulmani, ma sono abrogati dai successivi. Molti usano questi versetti per ingannare gli occidentali e non fargli capire quale sia la vera dottrina verso di loro. I musulmani non vogliono fare sapere che la loro dottrina condanna gli infedeli all’inferno solo perchè rifiutano gli insegnamenti di Maometto.
Cos’è un “musulmano moderato”? Bisogna capire la differenza tra un musulmano moderato e quello che un occidentale chiamerebbe un cattolico non praticante. Un musulmano vuole seguire il Corano e gli esempi del Profeta, oltre a instaurare la Shariah per come viene descritta dal Corano e dalla Sunnah.
Il musulmano moderato è quello che non riesce ad accettare tutta la dottrina islamica, e quindi prende solo le parti che gli piacciono. Ciò è proibito dalla religione, e lo rende un non musulmano a tutti gli effetti. Esiste una proibizione verso l’interpretazione personale dell’Islam, dato che le uniche interpretazioni accettate sono quelle che sono state stabilite secoli fa. Non è permesso arrivare a nuove conclusioni che contraddicano le vecchie. La “Ijtihad”, l’interpretazione non basata su un caso precedente, è proibita fin dall’undicesimo secolo, e ogni musulmano deve rispettare questa proibizione. Fare innovazione religiosa è un crimine molto serio per un islamico. 
La Shariah è l’applicazione pratica del Corano e dalla Sunna, che deve essere accettata da un musulmano moderato. Anche se i musulmani in Europa non lo sanno data la mancanza di educazione (molto comune dato che i chierici cercano di tenere nascoste le parti più sgradevoli dell’islam fino a che i musulmani europei saranno una minoranza), si tratta comunque di un obbligo. Quando i musulmani capiscono di avere seguito idee sbagliate riguardo alla dottrina, dopo un po’ accettano di avere sbagliato e iniziano a seguire l’Islam vero e proprio. 
Molti musulmani europei accettano di seguire le leggi locali solo perchè sono ancora una minoranza. Quando saranno la maggioranza, la loro dottrina li obbligherà a rendere obbligatorie le leggi e le regole islamiche. Molti musulmani sono ignoranti riguardo alla loro stessa religione, oppure sono stati ingannati dalla propaganda liberale, ma quando arriverà il momento dovranno mettersi da parte e accettare il vero Islam. Le interpretazioni liberali e tolleranti dell’Islam non hanno alcuna base teorica o dottrinale, e sopravvivono solo fino a che i veri musulmani le permettono. Molti musulmani abbandoneranno queste interpretazioni appena si renderanno conto di avere sbagliato, dato che questo è il dovere di ogni musulmano. Molti di loro lo faranno a malavoglia, ma lo faranno lo stesso. Il Corano stesso dice (Sura 2:216) che a volte bisogna fare cose sgradevoli dato che fanno bene. E’ probabile che solo una piccola minoranza si allontanerà dall’Islam, dato che l’apostasia viene punita con la pena capitale. 
Un musulmano moderato non è un riformista capace di eliminare quei principi islamici incompatibili con la vita moderna, ad esempio quelli che violano i diritti umani. I musulmani moderati vogliono la stessa cosa che vogliono i fondamentalisti, ossia l’instaurazione della Shariah in Europa. Anche se il moderato si oppone a certe parti della Shariah, la preferiscono alle leggi europee. Perchè un musulmano vorrebbe mai rinunciare alla Shariah? La Shariah gli consente l’oppressione delle donne, cosa importante per la vita dei musulmani. La Shariah gli consente di arricchirsi senza difficoltà, dato che nel futuro gli europei saranno schiavi (dhimmi) e le loro proprietà saranno espropriate a favore dei nuovi padroni musulmani. 
La Shariah è prima di tutto un programma politico, con solo un piccolo accenno alla religione (per come verrebbe definita da un occidentale). I suoi contenuti contraddicono i diritti umani e i principi politici occidentali: secolarismo e democrazia. Un moderato non sente il bisogno di lavorare per la Shariah, dato che non esiste ancora un leader islamico riconosciuto e che non è stata ancora proclamata la jihad in Europa. Da questo punto di vista moderati e fondamentalisti sono diversi, ma gli obiettivi a medio e lungo termine sono gli stessi.
L’idea europea di musulmano moderato è molto differente dal concetto islamico di musulmano moderato. L’europeo pensa a un musulmano moderato come a una persona che si ritiene musulmana ma che contravviene regolarmente alle regole islamiche e segue valori occidentali come laicismo, libertà, diritti umani, democrazia e protezione delle minoranze. In realtà, queste persone praticano una fede che non ha nulla a che vedere con l’Islam. Non si tratta di musulmani “moderati” o “riformati”, ma di non musulmani. Inoltre, queste persone sono ancora molto poche. 
Per concludere: quello che gli europei chiamano un “musulmano moderato” è un ex musulmano che ha abbandonato la sua fede. La sinistra occidentale crede che questi ex musulmani rappresentino la fede islamica, dato che hanno paura di affrontare i contenuti dell’islam vero e proprio. Per quanto ci si sforzi, è impossibile dire onestamente che l’Islam sia pacifico, tollerante e rispettoso dei diritti umani.
Ci sono prove che non ci siano differenze teologiche tra i fondamentalisti e i moderati, a parte il fatto che i fondamentalisti prendano l’Islam più sul serio. Uno degli obblighi religiosi islamici è quello di instaurare la Shariah appena ne avrà la possibilità e avrà abbastanza potere. Alcuni credono che sia necessario impegnarsi a tale scopo. I moderati credono che non ci sia nessun obbligo fino a che i musulmani non saranno al potere (a meno che non ci sia una jihad che lo ordina.) E’ probabile che molti di questi moderati vogliono che i musulmani prendano il potere e instaurino la Shariah.
Nel mondo musulmano la dottrina tradizionale è quella più diffusa. Ci sono interpretazioni moderne che si stanno estinguendo dato che il vero Islam sta prendendo il controllo delle comunità islamiche nei paesi occidentali. Per un musulmano è molto difficile contestare l’islam tradizionale, dato che tutte e quattro le scuole sunnite coincidono riguardo a molti argomenti. Si dice i terroristi abbiano preso il controllo dell’islam. Ciò è falso, anche nei casi in cui i terroristi hanno interpretato il Corano in maniera troppo estrema. Quel che avviene è il contrario, ossia persone sane, normali e pacifiche che cadono sotto il controllo dell’islam e diventano nemiche fanatiche della democrazia, della libertà e dei diritti umani. Alcune di queste persone passano al terrorismo, ma ciò dipende da loro problemi psicologici o sociali, non dall’islam.
Molti vivono una vita miserabile, al punto che sperano solo di morire e andare in paradiso. Alcuni hanno paura dell’inferno. Altri, specialmente giovani cresciuti in ambienti repressivi, anelano tanto al sesso libero in paradiso da trascurare tutto il resto. Altri credono che questa vita sia meno importante della prossima, e cercano di raggiungerla in fretta tramite il martirio, la via più sicura per il paradiso. Altri sono individui logici e razionali, che arrivano alle loro conclusioni tramite lo studio del Corano, delle Hadith e della Sunna. 
In molti casi, un musulmano moderato ha gli stessi obiettivi di un fondamentalista, è solo che si rifiuta di prendere le armi e combattere fino a che non arriverà la Jihad ad ordinarglielo. Non ci sono altre differenze tra moderati e fondamentalisti, il loro obiettivo finale è lo stesso. Inoltre, quando si parla con un moderato bisogna sempre tenere in mente il concetto di Taqiyya. Senza una riforma religiosa che proclami i diritti umani ed elimini le parti inaccettabili del Corano, le opinioni dei moderati non hanno alcuna base religiosa. Le opinioni crollano in fretta davanti alla pressione. Non ci si può basare sulla speranza che i moderati rimangano tali, se non c’è una riforma religiosa vera e propria. Qui si parla della sopravvivenza della nazione, e non la si può basare su di una speranza così debole. 
Il multiculturalismo dice che tutte le culture e le religioni sono uguali. Ciò è sbagliato. Le persone sono uguali di fronte alla legge, ma le opinioni, le culture e i valori non sono uguali. Ci sono opinioni, valori e culture compatibili con la vita moderna, e altre che non lo sono. Dal punto di vista politico e umanistico, tali opinioni e valori sono incompatibili con la nostra società.

Fonti:

http://www.islam-watch.org/NoSharia/PreventEuropeIslamization1.htm

2083 – Una dichiarazione di indipendenza europea – Libro 2.43 Il processo di islamizzazione dall’1% al 100%


2.43 Il processo di islamizzazione dall’1% al 100%

Il processo di islamizzazione in un paese consiste di piccole concessioni e di richieste da parte dei musulmani. Tali pretese iniziano quando la popolazione musulmana è all’uno per cento e continuano fino al 100%. Gli esempi storici di tale processo sono paesi come il Libano, il Kosovo, l’Egitto e altri. Quando i sinistrorsi politically correct cedono alle richieste dei “diritti religiosi” per la minoranza musulmana, fanno anche degli accordi sottobanco. Le fonti vengono dal CIA World Fact Book del 2007
Fino al’1-5%
Fino a che la minoranza musulmana rimane intorno all’uno per cento essa si comporterà come una minoranza pacifica e inoffensiva. Ci saranno alcuni che la raffigureranno nei film o nei giornali come una minoranza etnica particolare e interessante.Tra il 2% e il 3%
I musulmani iniziano a fare proseliti tra le altre minoranze etniche, i gruppi di malcontenti nelle prigioni e tra le bande di delinquenti.

Intorno al 5-10%

Dal 5% i musulmani hanno un’influenza sproporzionata rispetto al loro numero effettivo. Una delle loro prime pretese è l’introduzione di cibo halal sul mercato. Ciò li rifornisce di cibo preparato secondo la legge islamica, e assicura che ci siano posti di lavoro nell’industria alimentare che saranno occupati solo da musulmani. Quando avranno cibo halal a disposizione, i musulmani minacceranno i negozi e i supermercati che non vendono tali prodotti. Questo è solo il primo passo sulla strada che porta alla Shariah. I musulmani non vogliono convertire il mondo, a loro basta che le nazioni adottino la legge islamica.
Intorno al 10-20%
Quando i musulmani raggiungono il dieci per cento della popolazione, iniziano a comportarsi in maniera violenta come forma di protesta (vedi le rivolte di Parigi). Ogni azione che offenda i musulmani verrà punita con rivolte e minacce di morte (Vedi le vignette su Maometto ad Amsterdam o Charlie Hebdo).
Guyana — 10%
India — 13.4%
Israele — 16%
Kenya — 10%
Russia — 10-15%
Intorno al 20%
ci si possono aspettare rivolte col minimo pretesto, formazioni di milizie jihadiste, omicidi, incendi di chiese e sinagoghe:
Etiopia — 32.8%
Intorno al 40-60% avverranno massacri, attacchi terroristici continui e guerre tra milizie armate:
Bosnia — 40%
Chad — 53.1%
Libano — 59.7%
Intorno al 60-80% avverranno persecuzioni aperte dei non musulmani, atti di pulizia etnica (genocidi), imposizione violenta della Shariah e della Jizya, la tassa sugli infedeli:
Albania — 70%
Malesia — 60.4%
Qatar — 77.5%
Sudan — 70%
Intorno al 80-100% avvengono atti di pulizia etnica e genocidi ordinati dallo Stato:
Bangladesh — 83%
Egitto — 90%
Gaza — 98.7%
Indonesia — 86.1%
Iran — 98%
Iraq — 97%
Giordania –92%
Marocco — 98.7%
Pakistan — 97%
Palestina — 99%
Siria — 90%
Tajikistan — 90%
Turchia– 99.8%
Emirati Arabi Uniti UAE — 96%
100% porterà alla pace del ‘Dar-es-Salaam’ – la Casa Islamica della Pace – dove si suppone che ci sia la pace dato che ormai sono tutti musulmani. Tutti i non musulmani sono stati uccisi, deportati, costretti alla fuga o convertiti.
Afghanistan — 100%
Arabia Saudita– 100%
Somalia — 100%
Yemen — 99.9%
Ovviamente, è una menzogna. I musulmani hanno una tale sete di sangue da ammazzarsi a vicenda per i motivi più futili, ad esempio l’arabizzazione[1].
Prima di compiere nove anni avevo imparato i canoni base della vita araba. Ero io contro mio fratello, mio fratello e me contro mio padre, la mia famiglia contro i cugini e il clan, il clan contro la tribù, la tribù contro il mondo e tutti contro gli infedeli”
– Leon Uris, ‘The Haj’E’ bene ricordare che in molti paesi, la Francia ad esempio, la minoranza musulmana si concentra in ghetti basati sull’origine etnica. I musulmani rifiutano di integrarsi con la comunità, ed esercitano un potere assai più grande di quanto ci si aspetterebbe dal loro numero.

 Fonti:
http://frontpagemagazine.com/Articles/Read.aspx?GUID=4DE15EF9-A76C-4DD4-81E2-75683AEED74D
By
Dr. Peter Hammond
1.
http://en.wikipedia.org/wiki/Arabization
La definizione di una zona sotto il controllo islamico
I
sinistrorsi vi diranno che non esistono le zone sotto controllo islamico se non in Waziristan. Ovviamente sono palle, dato che ne esistono a migliaia in tutta Europa, anche nelle capitali. Ad esempio, ne esistono più di 800 in Francia e almeno 30 in Norvegia. Il loro numero cresce col crescere del numero e dell’influenza musulmana in un’area.
Definizione.
Una zona sotto il controllo islamico è:
      1. Un posto dove i non musulmani, specialmente i giovani o i vulnerabili, non possono andare senza rischio di essere assaliti, rapinati, molestati o picchiati da bande di musulmani o da singoli musulmani.
      1. Un posto dove i non musulmani non possono esprimere la loro individualità (specialmente se religiosa, sessuale o culturale) senza il rischio di essere assaliti, rapinati, molestati o picchiati da bande di musulmani o da singoli musulmani.
      1. Un posto dove una donna vestita all’occidentale non possa andare senza il rischio di essere assalita, rapinata, molestata o picchiata da bande di musulmani o da singoli musulmani.
L’islamizzazione inizia dal momento in cui la prima famiglia musulmana si trasferisce in un posto. Nel momento in cui la prima famiglia arriva, le famiglie circostanti si pongono in uno stato di servilismo. Alcuni lo fanno per semplice cortesia o per adesione agli ideali di sinistra, mostrando considerazione speciale verso i musulmani (che nessuno vuole rischiare di offendere). Quello che comincia come cortesia e considerazione si evolve in uno stato di pressione in cui i musulmani avanzano sempre più pretese. Varie centinaia di esempi storici dimostrano come il processo inizi con la semplice richiesta di avere cibo halal e finisce con il genocidio. Non si può ragionare con l’Islam. L’Islam distrugge tutto quello che ha attorno a meno che non sia fermato in maniera decisiva. Il processo di islamizzazione continua ad usare lo stesso percorso che è stato seguito per anni in tantissimi luoghi. Se la prima famiglia di musulmani fosse stata deportata, cacciata via o sterminata allora ci saremmo risparmiati il processo di islamizzazione e la creazione delle zone sotto controllo islamico. L’Islam pretende che tutti gli infedeli si comportino come dei Dhimmi, almeno fino a che non saranno costretti ad andarsene, a convertirsi o a scappare. Ciò non è una fantasia, è quello che è successo alle minoranze cristiane, ebraiche, indù e buddiste in Iraq, Iran, Turchia, Egitto, Bangladesh, Indonesia e in tutti i paesi sotto maggioranza islamica. La morale della storia è semplice: non si può ragionare con l’Islam, lo si può solo combattere.

 

2083 – Una dichiarazione di indipendenza europea – Libro 2.38 I veri motivi dell’intolleranza musulmana

2.38 I veri motivi dell’intolleranza musulmana

Autore: Andrew G. Bostom
Durante uno dei loro ultimi attentati a Khobar, in Arabia Saudita, i terroristi islamici chiedevano ai loro ostaggi: “Siete musulmani o cristiani? Non vogliamo uccidere altri musulmani.” Alla fine l’attentato ha lasciato 17 vittime civili.[1] Come possiamo interpretare questi atti di terrorimo rivolto ai non musulmani? Uno dei commentatori più esperti nel campo del fontamentalismo islamico ha detto che [2] i fondamentalismi e la rabbia generalizzata tra i musulmani derivano dal declino del potere politico degli stati musulmani, a partire dalla dissoluzione dell’impero Ottomano dopo la guerra e dalla fondazione dello stato di Israele. Nonostante la sua erudizione, il luminare non sembra interessato a dare un’altra spiegazione al motivo dell’odio musulmano verso i non musulmani, ossia ciò che viene insegnato ai bambini musulmani riguardo agli infedeli. Tali insegnamenti non dipendono assolutamente dalle condizioni geopolitiche.
E.W. Lane ha scritto un diario riguardo alla sua vita in Egitto, particolarmente riguardo agli anni passati al Cairo e a Luxor (dal 1825 al 1828 e poi dal 1833 al 1835). Nel suo studio Cairo, James
Aldridge definiva il diario di Lane come “la descrizione più accurata e veritiera del comportamento degli egiziani.”[3]

Lane spiega che i musulmani egiziani definiscono le persone delle altre fedi come “i figli della perdizione”, che i bambini egiziani vengono addestrati a odiare fin da tenera età. Gli scolari egiziani vengono educati a maledire le persone e le proprietà di ebrei, cristiani e di tutti coloro che non credano nella religione di Maometto.[4]

Lane, con la sua conoscenza impeccabile dell’arabo, scrisse un enorme dizionario arabo-inglese e tradusse le preghiere che trovò in un testo contemporaneo. Tale testo contiene maledizioni contro i non musulmani “che vengono recitate dai bambini delle scuole del Cairo giorno dopo giorno, prima di tornare a casa.”[5] Una di queste maledizioni dice:
Cerco rifugio in Allah contro Satana. Nel nome di Allah, misericordioso e compassionevole. Oh Allah, aiuta l’Islam ed esalta le parole della verità e della fede tramite la preservazione dei tuoi servi e dei figli dei tuoi servi, del Sultano dei due continenti (Europa e Asia), del Khakan (imperatore) dei due mari (Mediterraneo e Mar Nero), del Sultano, del figlio del Sultano. Oh, Allah, aiutalo e aiuta i suoi eserciti e tutte le forze dei musulmani: Oh, signore del mondo intero, distruggi gli infedeli e i politeisti, tuoi nemici e nemici della tua religione. Oh, signore, rendi orfani i loro figli, profana i loro edifici, ostacola il loro passo, offri loro, le loro famiglie, i loro figli, i loro parenti, i loro amici, le loro proprietà, la loro razza e le loro ricchezze come bottino di guerra per i musulmani.”[6]
Non c’è da stupirsi del fatto che Lane descriva come gli ebrei venissero presi a spintoni per strada e spesso picchiati solo per avere osato passare alla destra di un musulmano. Lane riporta che gli ebrei non osavano neanche lamentarsi dopo essere stati insultati o picchiati da un arabo o da un turco, dato che era comune che un ebreo venisse messo a morte con un’accusa fittizia di avere mancato di rispetto al corano o al profeta. Per un arabo era comune insultare un asino chiamandolo “ebreo”.[7]
Cinque decenni dopo, a Tunisi, Fellah riportava l’odio viscerale e l’ostilità dei bambini musulmani, specialmente verso i non musulmani: “(l’ebreo) deve inginocchiarsi di fronte al bambino musulmano e permettergli di colpirlo in faccia, come da privilegio tradizionale. Anche lo scrittore ha dovuto sottomettersi a questo trattamento. In queste cose i musulmani si comportano con impunità completa, dato che si tratta di una consuetudine che viene da tempi immemorabili.”[8]
Mary Boyce, professoressa emerita di studi iraniani e studiosa di zoroastrismo, ha passato un anno sabbatico nel 1963-64 nella comunità zoroastriana iraniana (Sharifabad, nella pianura Yazdi). Nel 1975, durante una serie di letture a Oxford,[9] ha notato che gli antenati iraniani degli zoroastriani avevano una tradizione di allevamento di cani, dato che vivevano un’esistenza nomade tra le steppe asiatiche. Ciò ha portato l’inclusione dei cani nelle pratiche religiose zoroastriane.[10] Boyce ha parlato anche della crudeltà gratuita dei musulmani iraniani verso i cani, includendo un aneddoto personale:
A Sharifabad i cani sapevano distinguere tra zoroastriani e musulmani, ed erano capaci di andare a chiedere cibo ad un gruppo di zoroastriani o di addormentarsi tranquillamente in una via
zoroastriana. Quegli stessi cani scappavano alla sola vista di gruppi di musulmani. L’ostilità dei musulmani verso i cani viene dall’opposizione verso la fede zoroastriana, precedente alla conquista musulmana. Nell’area Yazdi i musulmani adoravano torturare i cani, dato che per loro significava uccidere una creatura impura e causare sofferenza negli infedeli. Quando l’esattore andava a ritirare la Jizya, la tassa sugli infedeli, spesso amava picchiare il cane dell’infedele fino a che non veniva pagato. Ho visto una ragazzina musulmana prendere a calci un cucciolo, e rispondere alle mie proteste dicendo che si trattava di un animale impuro. So che a Sharifabad i musulmani amavano uccidere i cani a colpi di pala. Questa crudeltà gratuita aggiungeva parecchia tensione tra le due comunità.[11]
Sorour Soroudi, accademica iraniana di fede ebraica, la cui famiglia aveva lasciato l’Iran nel 1970, ricordava che:
“Ricordo ancora la filastrocca cantata dai bambini musulmani quando vedevano un armeno, diceva, cane armeno andrai all’inferno”[12].
Dieci anni dopo le discriminazioni contro gli infedeli diventavano ancora peggiori, dato che venivano autorizzate dalla teocrazia sciita di Khomeini.[13] Il professor Eliz Sanasarian ha scritto un esempio particolarmente spaventoso di queste discriminazioni, dato che rifletteva l’indottrinamento dei candidati per l’insegnamento. In pratica, si affermava che il racconto dell’avvelenamento di Maometto da parte di una donna ebrea, descritto in una hadith[14], fosse verità storica. Sanasarian scrive che: “Inoltre, tale storia è diventata una delle domande nelle prove ideologiche per entrare nell’istituto magistrale. Gli studenti ricevono un questionario a risposte multiple, in cui alla domanda su chi fosse l’istigatore del martirio del profeta bisognava rispondere che era stata una donna ebrea.”[15]
Tale pratica continua attualmente con il proliferare dei programmi educativi pieni di intolleranza verso i non musulmani, finanziati dai sauditi. Un rapporto recente ha esposto vari esempi di tale indottrinamento, accompagnato dal proclama trionfante saudita in cui si diceva che “Re Fahd ha fatto un investimento astronomico, pari a vari miliardi di ryal sauditi. Parlando di istituzioni islamiche, ci sono 210 centri islamici finanziati dai sauditi, più di 1500 moschee e di 2000 scuole, e circa 2000 scuole elementari rivolte ai bambini musulmani in paesi non musulmani in Europa, America, Australia e Asia.”[16]
L’intolleranza per i non musulmani è sempre stata parte integrante dell’educazione religiosa musulmana, precedente al fondamentalismo islamico moderno e pre moderno. Dobbiamo riconoscere l’esistenza di questa realtà e iniziare ad andare oltre alle limitazioni degli studiosi chiusi nella loro torre d’avorio. Forse sarebbe il caso di ascoltare i consigli di Ibn Warraq, apostata islamico e reduce da un’educazione in una madrassa:
Primo, quelli che vivono in Occidente e godono di libertà di espressione dovrebbero incoraggiare a criticare razionalmente l’islam e il corano. Solo la critica del corano può incoraggiare i musulmani a vedere le loro scritture in modo più razionale e obiettivo e ad impedire che i giovani musulmani si radicalizzino facendosi influenzare dalle parti più violente del corano. Possiamo incoraggiare la razionalità tramite l’educazione secolare. Ciò significa chiudere le madrassa dove i figli delle famiglie povere imparano il corano a memoria e le dottrine della jihad, diventando fanatici. La mia priorità sarebbe riscrivere completamente i programmi ministeriali, dato che quelli odierni predicano l’intolleranza verso tutti i non musulmani, particolarmente gli ebrei. Si spera che l’educazione incoraggi il pensiero critico e la razionalità. Per insegnare il pluralismo dobbiamo insegnare le glorie della storia pre islamica ai bambini. Si dovrebbe separare nettamente l’educazione religiosa dall’educazione scolastica nelle scuole, ma nei paesi islamici ciò non è ancora possibile. Il massimo che possiamo sperare è l’insegnamento delle religioni comparate, cosa che porterebbe allo spegnimento dei fanatismi dato che si studierebbe l’islam come una fede tra le tante.[17]
Fino a che qualcuno non ascolterà Warraq, ci troveremo di fronte a una Jihad senza fine.
Fonti:
http://www.andrewbostom.org/loj//content/view/24/27/
1. Reuters, “Gunmen hunted “infidel” Westerners”  Sun May 30, 2004 06:30 AM ET,
http://www.reuters.co.uk/newsPackageArticle.jhtml?type=topNews&storyID=520188&section=news
2. i.e., Bernard Lewis, for example, in 1990
http://www.theatlantic.com/issues/90sep/rage.htm
http://www.theatlantic.com/issues/90sep/rage2.htm; November/December
1998 “License to Kill: Usama bin Ladin’s Declaration of Jihad”,
Foreign Affairs;
2002  http://www.theatlantic.com/issues/2002/01/lewis.htm;
2003 http://www.theatlantic.com/issues/2003/05/lewis.htm
3. Quoted by J.M. White, in his introduction to, Lane, E.W. An Account of the Manners and Customs of the Modern Egyptians, New York, 1973, p. v.
4. Lane, E.W. Modern Egyptians, p. 276.
5
6.
Lane, E.W. Modern Egyptians, p. 575.
7. Lane, E.W. Modern Egyptians, pp. 554-555.
8. Fellah. “The Situation of the Jews in Tunis, September 1888.”, Ha-Asif (The Harvest) [Hebrew] 6 (Warsaw, 1889), English translation in, Bat Ye’or, The Dhimmi- Jews and Christians Under Islam, Fairleigh Dickinson University Press, 1985, p. 376.
9. Boyce, Mary. A Persian Stronghold of Zoroastrianism (based on the Ratanbai Katrak lectures, 1975), 1977, Oxford.
10. Boyce, M. A Persian Stronghold, p. 139.
11. Boyce, M. A Persian Stronghold, pp. 141-142.
12. Soroudi, Sorour. “The Concept of Jewish Impurity and its Reflection in Persian and Judeo-Persian Traditions” Irano-Judaica 1994, Vol. III, p. 155 (footnote 33):
13. See Tabandeh, Sultanhussein. A Muslim Commentary on the Universal Declaration of Human Rights, translated by F.J. Goulding, London, 1970, pp. 17-19. Tabandeh was a Sufi Shi’ite ideologue whose writings had a profound influence on Ayatollah Khomeini’s discriminatory policies towards non-Muslims in Iran, as discussed in Sanasarian, Eliz. Religious Minorities in Iran, Cambridge, 2000, pp. 24-27.
14. Sahih Bukhari, Volume 3, Book 47, Number 786: Narrated Anas bin Malik: “A Jewess brought a poisoned (cooked) sheep for the Prophet who ate from it. She was brought to the Prophet and he was asked, ‘Shall we kill her?’ He said, ‘No.’ I continued to see the effect of the poison on the palate of the mouth of Allah’s Apostle.”
15. Sanasarian, E. Religious Minorities in Iran, p. 111.
16. Stalinsky, Steven. “Preliminary Overview. – Saudi Arabia’s Education System:
Curriculum, Spreading Saudi Education to the World and the Official Saudi Position on Education Policy,” Middle East Media Research Institute, December 20, 2002.
17. Warraq, Ibn. “A True Islamic Reformation,” FrontPageMagazine.com, May 19, 2003

2083 – Una dichiarazione di indipendenza europea – Libro 2.36 La rete di Mujahideen afgano-bosniaci in Europa

2.36 La rete di Mujahideen afgano-bosniaci in Europa
Autore: Evan F. Kohlmann
Introduzione
In seguito agli attacchi terroristici a Londra e a Madrid, la classedirigente europea ha finalmente notato l’esistenza di una minaccia terroristica che covava indisturbata da decenni. Le democrazie europee, che si erano sempre ritenute al riparo dagli attacchi del terrorismo internazionale, hanno scoperto di essere minacciate da un numero sempre crescente di giovani maomettani, induriti dalle scene dei massacri in Medio Oriente, dalla mancanza di opportunità in Europa e dal comportamento poco accogliente di molti europei. Questi giovani sono diventati le reclute ideali per l’arruolamento nei nuovi “mujahideen europei”.  Per capire i mujiahideen europei bisogna prima capire la loro origine. Al contrario di come si possa pensare, i movimenti estremisti degli anni novanta non sono nati grazie a Osama Bin Laden e alle guerre in Sudan e in Afghanistan ma grazie a un’altra guerra molto più vicina all’Europa. Buona parte delle cause della radicalizzazione dei giovani maomettani europei viene dai campi di battaglia della Bosnia-Herzegovina, dove l’élite dei mujahideen arabi formatasi in Afghanistan ha messo a punto le proprie competenze belliche e ha formato una nuova generazione di rivoluzionari maomettani. Quando ho intervistato il reclutatore di Al-Qaida Abu Hamza al-Masri, nella Londra del 2002, lui ha provato a spiegarmi la mentalità dei primi volontari arrivati in Bosnia ne 1992, quando è iniziata la guerra: “Erano persone dedite alla religione. Erano andati in Afghanistan per difendere i loro fratelli e le loro sorelle. Invece,
l’Afghanistan di oggi è tutto una rovina, con musulmani che si combattono a vicenda.”
Dopo il crollo della Jihad afghana quei giovani “Volevano una lotta contro un nemico chiaro ed evidente, una situazione in cui potessero difendere musulmani attaccati, uccisi e violentati da non musulmani” [1], continua Hamza.
I reclutatori jihadisti hanno pubblicizzato la guerra in Bosnia tra i giovani europei, offrendola come una fuga da un’esistenza vuota e noiosa. Eppure, alcuni di quelli che hanno risposto alla chiamata facevano parte della migliore gioventù europea. “Abu Ibrahim”, uno studente di medicina londinese di 21 anni ha rilasciato un’intervista da un campo di addestramento bosniaco:
La gente pensa che qui non si faccia altro che farsi sparare addosso e cannoneggiare dall’artiglieria. La gente non sa che abbiamo gelati, kebap e dolci. Possiamo chiamare tutto il mondo via telefono e fax. Non sanno che questa per noi è una vacanza bellissima in cui incontriamo le persone migliori che abbiamo mai conosciuto in vita nostra. Abbiamo conosciuto persone da tutto il mondo, gente proveniente da Brasile, Giappone, Cina, Medio Oriente, America, Canada, Australia, da tutto il mondo.”[2]
A parte il valore di propaganda, la Bosnia ha una posizione unica tra Europa occidentale e Medio Oriente che la rende una testa di ponte ideale per l’espansione dei movimenti estremisti maomettani verso UK, Italia, Francia, Scandinavia. In Bosnia i combattenti veterani provenienti dall’Afghanistan possono entrare in contatto con reclute inesperte ma volenterose provenienti da tutta Europa e pianificare il futuro della Jihad. I gruppi come Al-Gama’at, al-Islamiyya e Al-Qaida non avevano mai avuto la possibilità di organizzarsi in questo modo. Nel 1992, dopo sei mesi di combattimenti in Bosnia, il comandante saudita di Al-Quaida Abu Abdel Aziz “Barbaros” ha dichiarato che “sono venuto [in Kuwait] dalla Bosnia per dire ai musulmani che per loro ci sono grandi opportunità. Allah ha aperto la via per la Jihad e non dobbiamo sprecarla. Abbiamo la possibilità di fare entrare l’Islam in Europa tramite la Jihad. Se fermeremo la Jihad oggi, avremo perso la nostra chance.”[3]. Di solito i fanatici europei arruolati tra i mujahideen in Bosnia erano ansiosi di rendersi utili. Babar Ahmad, un musulmano britannico in attesa di estradizione negli USA sotto l’accusa di avere organizzato una cella di Al-Qaida a Londra, si vanta del ruolo fondamentale dei nuovi mujahideen europei:
Siamo stati fondamentali, non solo per la Jihad bosniaca ma per la Jihad del mondo intero. Penserete che si tratti di un’esagerazione, ma le mani dei miei fratelli hanno fatto cose che non credereste possibili. Abbiamo tradotto e pubblicato libri dalla prima linea, dato che avevamo fratelli inglesi che parlavano inglese e fratelli arabi che  parlavano arabo e un poco di inglese. Insieme, abbiamo tradotto i testi della Jihad e questi libri stanno guidando altri fratelli ad unirsi a noi. Abbiamo messo tutto online grazie alla nostra conoscenza dei computer.”[4]
Dall’inizio della guerra in Bosnia-Herzegovina nel 1992, il governo musulmano osniaco ha seguito l’arrivo dei volontari stranieri europei disposti alla Jihad, la guerra santa contro i cristiani serbocroati. Secondo i documenti del controspionaggio militare bosniaco, lo ARBiH, i volontari sono arrivati attraverso la Croazia partendo dall’Europa occidentale e dall’UK. Molti di loro avevano passaporti europei e sono stati portati in Bosnia partendo da Londra, Milano, Francoforte e Monaco[5] con l’aiuto di una rete di reclutatori e finanziatori basata a Zagabria, Londra, Vienna, Milano e Torino.[6]
I bosniaci hanno notato un’altra cosa riguardo ai loro nuovi alleati: alcuni di loro erano partiti volontari per aiutare gli altri musulmani, ma altri erano fuggitivi dai loro paesi.[5] Il comando militare bosniaco vedeva i volontari afgani e mediorientali come potenzialmente utili, ma era scettico riguardo a quei giovanotti irriverenti e idealisti appena arrivati dalle capitali europee. Un rapporto del settembre 1994 avvertiva che quelli che si rifiutavano di dare le loro generalità erano probabilmente spie o criminali in fuga dalla giustizia dei loro paesi.[8] Un secondo rapporto scritto nel maggio 1995 avvertiva che alcuni volontari con cittadinanza europea nascondevano le loro identità e chiedevano la cittadinanza bosniaca dato che si trattava di ricercati.[5]  Un mujahideen europeo si è fatto notare per il suo comportamento delinquenziale: si trattava di “Abu Walid”, un medico francese noto per avere assalito un ospedale a Zenica il luglio 1994 insieme ad altri dieci membri della brigata “El-Mujahidin 8”. Pochi mesi dopo essere stato congedato con disonore Abu Walid, meglio noto col suo nome francese Christophe Caze, prese il comando della “Roubaix Gang”[11] una banda di terroristi algerini attiva nel nord della Francia. Caze trovò la morte nel 1996 durante un assalto suicida in autostrada vicino al confine col Belgio.
Nemmeno i mujahideen erano entusiasti della qualità dei volontari stranieri. Nel novembre 1995 il siriano Imad Eddin Barakat Yarkas (Abu Dahdah) chiamò il campo di addestramento a Zenica per controllare le prestazioni degli studenti, solo per sentirsi rispondere dalle lamentele del direttore riguardo alla qualità dei giovani che gli erano stati mandati da addestrare.[12] Alla fine Yarkas veniva arrestato dalle autorità spagnole nel 2001 e condannato a 27 anni di reclusione per avere fornito supporto logistico agli attentatori dell’11 settembre.[13]
In generale, le organizzazioni terroristiche locali (Al-Qaida, Al-Gama’at al-Islamiyya, GIA) erano felici del potere usare la guerra in Bosnia come strumento di reclutamento e di finanziamento. Nel Dicembre del 1995 queste organizzazioni approfittavano dell interesse della NATO nell’espulsione dei mujahideen stranieri dalla Bosnia. Centinaia di veterani, colpevoli di crimini di guerra e addestrati nella guerriglia urbana, ricevevano asilo politico in vari paesi europei, in Canada e in Australia, aiutando i terroristi ad infiltrarsi nel mondo occidentale. Il magistrato del antiterrorismo francese Jean-Louis Bruguière scrisse che la fuga dei veterani dalla Bosnia gli ha permesso di portare la Jihad in terra straniera. Bruguière conclude affermando che molti dei veterani del battaglione mujahideen di Zenica hanno continuato a compiere atti di terrorismo anche dopo la fine del conflitto in Bosnia.[14]
Il Regno Unito
Nonostante ci siano standard di vita abbastanza elevati e giustizia sociale, il Regno Unito rimane uno dei luoghi preferiti per le attività dell’Islam radicale. Si dice che i movimenti fondamentalisti sunniti in UK siano partiti insieme alla rivoluzione in Iran e alla guerra in Afghanistan, anche se non hanno avuto grande presa tra i giovani musulmani inglesi fino alla guerra in Bosnia-Herzegovina. Molti musulmani inglesi sono rimasti scioccati nel vedere le scene di devastazione e di crimini di guerra trasmesse dalla BBC, anche perché si trattava di cose avvenute in Europa senza che nessuna potenza europea intervenisse. Ciò ha dato credito a quei radicali violenti che chiamavano i musulmani a difendersi con le loro stesse mani. Nel 1992 il preside del Collegio Musulmano di Londra, Dottor Zaki Badawi, diceva che “La guerra in Bosnia ha scosso l’opinione pubblica del mondo musulmano come non avveniva dalla creazione di Israele nel 1948.” [15]
La guerra in Bosnia venne sentita molto profondamente dagli studenti universitari musulmani, giovani idealisti e acculturati che protestavano contro le persecuzioni dei loro fratelli musulmani. Uno studente, con molti compagni di classe andati a farsi addestrare in Bosnia o in Afghanistan, non vedeva nulla di male nel prendere le armi contro quelli che vedeva come i “nemici dell’islam”: “Non si può far finta di niente mentre i nostri fratelli vengono massacrati, altrimenti chi ci difenderebbe se ciò accadesse a noi?”[16]. In Bosnia, Abu Ibrahim, ventunenne londinese, critica l’ipocrisia dei suoi compatrioti che gridavano vendetta contro serbi e croati, ma non avevano il coraggio di andare a combattere in Bosnia:
“…Quello che ci manca qui sono i musulmani disposti alla sofferenza e al sacrificio. Qui in UK vedo gli altri studenti di medicina che mi dicono che dedicheranno il loro terzo anno di pratica all’Islam, poi si laureano, si prendono le loro sessantamila sterline l’anno e se ne fregano di sforzi e sacrifici.” Abu Ibrahim parla del senso di soddisfazione che ha provato combattendo in Bosnia, e dell’apatia dei musulmani moderati che sono rimasti a Londra. “In UK vedevo i notiziari e piangevo ogni volta che sentivo le storie dei musulmani in Bosnia, Palestina e Kashmir. Qui in Bosnia mi sento felice, sto facendo il mio dovere come lo hanno fatto il Profeta e i suoi compagni 1400 anni fa” [17] Un altro soldato inglese da Londra dice, sprezzante: “In Inghilterra non fanno altro che parlare, organizzare conferenze, parlare, parlare e parlare. Poi, vanno a casa e dormono, dopo aver passato la serata davanti a Neighbours e Coronation Street. Che vita è questa? Quella è gente che parla troppo. Se volete vedere dei veri musulmani, venite qui e vedrete”[18]
Anche quelli che sono rimasti a casa in UK fanno la loro parte per aiutare la causa dei mujahideen. Alcuni giovani attivisti del gruppo fondamentalista “Muslim Parliament” (http://www.muslimparliament.org.uk/) hanno stabilito una “organizzazione caritatevole” per inviare fondi ai gruppi jihadisti bosniaci. Tale organizzazione sarà chiamata successivamente col nome di “Global Jihad Fund” (GJF).[19] Secondo il suo sito, la GJF è stata fondata con lo scopo di: “aiutare la crescita dei movimenti jihadisti nel mondo finanziando l’acquisto di armi e l’addestramento dei militanti” [20] Due mesi dopo la stipula degli accordi di Dayton che sancivano la fine della guerra in Bosnia, gli amministratori della GJF annunciavano la distribuzione di un opuscolo chiamato “Islam—The New Target”. Tale opuscolo invitava a diffondere la conoscenza del genocidio dei musulmani e della jihad tra amici e parenti.[21] Due anni dopo, in occasione di un doppio attacco suicida di Al-Qaida alle ambasciate americane in Kenya e in Tanzania, gli amministratori della GJF dichiaravano che i loro fondi venivano gestiti dal portavoce saudita di Al-Qaida, Mohammed al-Massari, e di avere deciso di finanziare lo sceicco Mujahid Osama bin Laden.[22] Durante l’interrogatorio degli investigatori inglesi, il webmaster londinese della GJF ammetteva che: “Io lavoro per due persone, Mr. Massari e Osama Bin Laden.”[23]
Nei campi di battaglia bosniaci, i mujahideen britannici si fecero notare parecchio. Il 13 Giugno 1993 una pattuglia britannica composta da  quattro blindati venne intrappolata in un’imboscata vicino alla città bosniaca di Guca Gora.[24] I mujahideen erano circa 50, apparentemente africani o mediorientali, barbuti, con berretti stile afgano e uniformi diverse da quelle dei guerriglieri locali.[25] I jihadisti puntarono le armi verso i veicoli ONU, ma il comandante rassicurò i soldati in perfetto inglese britannico, dicendo che i mujahideen non avrebbero sparato se non dietro suo ordine [26] Durante l’estate del 1993 i mujahideen britannici iniziarono a subire le prime perdite, tra cui un convertito inglese di nome David Sinclair, ribattezzatosi Dawood al-Brittani, un impiegato ventinovenne presso una ditta di informatica britannica. Dopo essersi convertito e avereiniziato a vestirsi con abiti tradizionali musulmani Sinclair iniziò ad avere problemi sul lavoro che culminarono col licenziamento. A questo punto, Sinclair decise di andare in Bosnia e di unirsi ai militanti. Durante l’addestramento, Sinclair donò i suoi due passaporti britannici a due afgani, dato che non aveva intenzione di tornare alla vita da infedele in UK. Il suo desiderio venne accontentato quando fu ucciso durante uno scontro a fuoco con le forze croate.[27]
A dire il vero, I musulmani inglesi hanno partecipato a molte delle battaglie più importanti della guerra in Bosnia, tra cui la conquista della regione di Vozuca nell’estate del 1995. Questa battaglia, detta “operazione BADR” tra gli arabo-afghani, è costata la vita a dozzine di combattenti stranieri. Uno di questi combattenti era “Abu Mujahid”, di provenienza inglese, morto il 10 Settembre 1995. “Abu Mujahid” si era laureato in UK nel 1993 durante le proteste per i crimini di guerra commessi dai serbi in Bosnia, e aveva iniziato a viaggiare nei Balcani sotto la copertura di un’agenzia di volontariato che forniva cibo e medicine ai musulmani sotto attacco nel centro della Bosnia. Le sue attività di volontariato erano solo una copertura per mascherare la sua vera attività di finanziatore per i terroristi. Quando Abu Muhajid non era impegnato a trasportare merci di valore per i guerriglieri, viaggiava per tutto il Regno Unito raccogliendo fondi e predicando tra i musulmani locali. Abu Muhajid tornò in Bosnia nell’Agosto del 1995 e si arruolò in un campo di addestramento locale, ricevendo addestramento speciale da due istruttori egiziani inviati da Al-Qaida. Con tutto il suo fanatismo, Mujahid indossava fieramente un orologio G-Shock e stivali dell’esercito americano. Secondo i suoi istruttori, eccelleva nel tiro e nel lancio di granate, e proclamava che sarebbe rimasto in Bosnia fino alla vittoria o al martirio. La cosa più strana di lui era che ripeteva almeno cinque volte al giorno che avrebbe ricevuto il martirio in Bosnia[28]. Mujahid risultò disperso dopo il primo assalto dell’operazione BADR, e il suo corpo venne ritrovato solo una settimana dopo. Uno degli uomini che lo ritrovarono ricorda che: “In quel momento, il pensiero che mi venne fu che quel fratello voleva restare in Bosnia più di me, ma Allah aveva deciso di farlo morire in quel modo così bello. Il mio pensiero era che Inshallah (se Allah vuole) possa Allah accettare il suo sacrificio e che le persone che gli volevano bene in questa vita possano seguirlo nella prossima.” Il corpo di Mujahid venne riportato alla base, dove il comandante saudita Abu Hammam permise agli altri mujahideen inglesi di dargli l’ultimo saluto.[28]
I mujahideen che arrivarono alla fine della guerra nel 1995 erano preoccupati dagli accordi di pace di Dayton, al punto da proporre una guerra totale contro serbi, croati, forze di pace e persino contro gli stessi musulmani moderati bosniaci. Un mujahideen trasmise un messaggio in inglese diretto agli altri mujahideen inglesi: “Qui è il comandante della Jihad, e il mio messaggio è che ci servono soldati, equipaggiamento, tutto di tutto. Quelli che pensano che non abbiamo più bisogno di soldati si sbagliano, ci serve tutto quello che potete darci.”[17] Uno dei messaggi di propaganda degli El-Mudzahedin diceva che:
Quando gli americani sono arrivati in Bosnia la situazione è cambiata, ora dobbiamo combatterli. Il comandante Abdul-Harith, il libico, ha detto che saremo un esempio per i bosniaci, che combatteremo per la nostra fede e per la nostra terra. Con l’aiuto di Allah avremo la vittoria e sconfiggeremo gli americani, o moriremo. Ma non fuggiremo e saremo un esempio per tutta la Bosnia”[28]
Secondo varie fonti, il 12 Dicembre 1995 i mujahideen lasciavano un furgone posteggiato davanti alla loro base a Zenica. Più avanti, gli investigatori bosniaci dichiareranno che i fanatici volevano trasformarlo in un furgone bomba, ma la loro inesperienza aveva causato un’esplosione.[32] con la morte di almeno quattro fanatici e il ferimento di vari altri. Uno dei fanatici feriti dall’esplosione
racconterà più avanti che: “Ho sentito l’esplosione. Ero a terra, ricordo Abul-Harith (il libico) che correva verso di me, mi prendeva e mi metteva sulla barella. Abul-Harith mi portò dentro un edificio sfondando la porta.”[28]
Secondo le autorità arabo-afghane e bosniache, l’attentatore era uno studente londinese diciottenne detto “Sayyad al-Falastini”, nato in UK ma cresciuto in Arabia Saudita. Al suo ritorno a Londra il dodicenne Sayyad si faceva coinvolgere nel movimento fondamentalista islamico dove avrebbe convertito altri giovani estremisti. A 16 anni Sayyad cercava inutilmente di arruolarsi tra i mujiahideen balcanici dopo aver ascoltato un sermone religioso recitato da un veterano arabo delle guerre bosniache.[28] Dopo essere stato eletto come presidente del gruppo islamico del suo college, Sayyad iniziò a mettere soldi da parte e a pianificare la sua partecipazione alla Jihad. Secondo i mujahideen, Sayyad faceva ciò perchè la sua cultura palestinese dava molta importanza alla Jihad. Durante l’estate del 1995 Sayyad lasciò Londra per andare a seguire l’addestramento presso un campo mujahideen bosniaco, combattendo poi nell’operazione BADR. Al cessare delle ostilità molti dei volontari lasciarono la Serbia, ma non Sayyad, che aveva apprezzato la vita del volontario ed era molto apprezzato dai mujahideen nonostante la giovane età anche per la sua conoscenza dell’inglese, dell’arabo e del bosniaco. Come molti arabi, Sayyad non era contento degli accordi di pace che vedeva come una manovra per impedire ai musulmani di vincere la guerra. Anche dopo la stipula degli accordi di Dayton, Sayyad si rifiutava di tornare a casa e affermava che: “Perchè siamo cosi persi? Guardate gli infedeli, ci ridono dietro perchè ora hanno uno stato tutto per loro!”[28] A questo punto, Sayyad iniziava a comportarsi in modo strano, forse in preparazione del martirio, pregando tutta la notte e recitando continuamente versetti del Corano. Prima aveva chiamato sua madre per chiederle soldi, ma due giorni prima dell’esplosione a Zenica la richiamò per dirle di non averne più bisogno. E’ probabile che Sayyad si stesse preparando alla sua missione suicida. Nonostante tutto, il 12 Dicembre il furgone di Sayyad esplodeva prima del tempo, scuotendo tutto il quartiere e spaventando a morte i civili croati.[28] Secondo di dati di Al-Qaida, Sayyad era il sesto volontario inglese caduto in Bosnia, solo due giorni prima del suo diciannovesimo compleanno, e sepolto in una cerimonia solenne presieduta da trecento tra i migliori mujahideen stranieri in Bosnia.[28] La sua orazione funebre:
Nostro fratello Sayyad ha dato tutte le sue ricchezze e ogni goccia del suo sangue per Allah. Chiediamo ad Allah di accettarlo come martire e di renderlo un esempio per i milioni di giovani in Occidente che hanno scelto questa vita.”[38]
Ancora oggi, gli ex volontari della Bosnia-Herzegovina continuano ad essere un problema per la legge. Il 23 Settembre 2005, l’inglese Andrew Rowe, un convertito all’Islam, è stato condannato da una corte inglese a quindici anni di reclusione per possesso di documenti su come sparare con un mortaio e per avere usato messaggi cifrati per organizzare attacchi terroristici. Negli anni novanta, Rowe aveva cambiato radicalmente vita dopo essersi convertito in una moschea londinese di Regent’s Park, un atto che a parole sue aveva: “dato un senso alla sua vita.”[39] Rowe ha ammesso di avere viaggiato in Bosnia-Herzegovina nel 1995 sotto la copertura di volontariato umanitario, ma in realtà era un invitato per i mujahideen. Al ritorno in UK, Rowe ebbe il coraggio di farsi dare l’invalidità civile per le ferite riportate in un attacco di artiglieria in Bosnia. Nel 2003 Rowe veniva arrestato sul lato francese del canale della Manica con un paio di calzini che portavano tracce di TNT, esplosivo al plastico, RDX e nitroglicerina. Secondo gli investigatori, tali calzini erano stati usati per pulire la canna di un mortaio.[39] Una perquisizione a casa di Rowe ha trovato messaggi in codice con frasi come “esplosivi”, “caserma” e “equipaggio di un aereo”, oltre a video registrati di atti jihadisti in Bosnia e video di Osama bin Laden.[39]
Italia
Forse l’Italia ha avuto il ruolo più importante nell’infrastruttura internazionale dei mujahideen degli anni novanta. L’Italia è uno dei pochi paesi europei a confinare con la Croazia e con la Bosnia musulmana, e fin da prima della guerra in Bosnia c’erano gruppi terroristici islamici con basi in Italia: : GIA, Al Gama’at al-Islamiyya, i Jihadisti egiziani, il tunisini An-Nahdah. Con l’inizio della guerra nel 1992, il gruppo Al-Gama’at al-Islamiyya aveva indicato l’Italia come uno dei tre luoghi più importanti per il sostegno delle sue attività locali.[42] L’individuo più importante tra i mujahideen bosniaci in Italia era Shaykh Anwar Shaaban (a.k.a. Abu Abdelrahman al-Masri), ex comandante europeo del gruppo Al-Gama’at al-Islamiyya, imam presso l’istituto culturale islamico di Milano, ex capo delle forze arabe alleate ai ARBiH.[43] Shaaban era un veterano della Jihad afghana, scappato dall’Afghanistan nel 1991 dopo la guerra civile.[44] Dopo avere ottenuto asilo politico in Italia, rimase deluso da quello che trovò: “La comunità musulmana in Italia è come quelle in tutto il resto d’Europa, ossia sonnolenta e interessata solo agli affari mondani.” Con l’aiuto di alcuni veterani di guerra afghani e di alcuni islamisti italiani, Shabban aprì un quartier generale in un garage milanese riconvertito a moschea, guadagnandosi le lodi di vari mujahideen che vedevano l’istituto culturale islamico a Milano come “il centro di molte attività, un luogo popolare tra i musulmani locali.”[28]
Durante un processo in USA L’Houssaine Kherchtou, ex agente marocchino di Al-Qaida, ha testimoniato il fatto che l’Istituto culturale islamico fosse un centro di reclutamento per i giovani estremisti musulmani europei. Secondo Kherchtou, Shabban aveva fatto in modo da fornire VISA pakistani per lui e per altre tre reclute mujahideen dirette verso un campo di addestramento di Al-Qaida in Afghanistan.[46] Gli agenti dell’antiterrorismo francese hanno concluso che l’Istituto milanese, sotto la guida di Shaaban, faceva da centro di comando per una serie di gruppi armati nordafricani, tra cui Al-Gama’at, Al-Islamiyya, i tunisini di An-Nahdah, e gli algerini di GIA.[47] Dopo la perquisizione dell’ufficio di Anwar Shaaban a Milano, l’antiterrorismo italiano dichiarò che l’Istituto era “vicino alle attività delle organizzazioni terroriste egiziane, specialmente [Al-Gama’at al-Islamiyya], nel campo delle scelte strategiche e operative, del reclutamento dei mujaheddin per i territori iugoslavi, l’organizzazione di una rete europea di cellule fondamentaliste e il sostegno logistico e operativo dei fondamentalisti in territorio egiziano.”[42]
Durante l’estate del 1992, Shaykh Anwar Shaaban ha guidato la prima delegazione arabo-afghana in Bosnia, insieme ai suoi colleghi italiani. Gli stessi militanti hanno testimoniato che: “Sheik Anwar non era un topo di biblioteca: era uno studioso che metteva in pratica le cose che insegnava e combatteva personalmente contro l’oppressione, proprio come i musulmani della prima generazione. Aveva i libri in mano e l’uniforme addosso: sapeva insegnare, ma sapeva anche combattere.” In una registrazione, i rappresentati dei mujahideen cercavano di sbrogliare la matassa della vita di Shaaban, notando che: “prendendo l’esempio di Sheik Abdullah Azzam, Sheik Anwar Shaaban si era preso la responsabilità del reggimento mujahideen bosniaco, addestrando, incoraggiando e motivando i combattenti, facendo in Bosnia ciò che Shaykh Abdullah Azzam faceva in Afghanistan.”[28]
Shaaban faceva avanti e indietro tra Milano e la Bosnia, portandosi dietro combattenti veterani e reclute da addestrare. Nel Settembre 1994 Shaaban inviava un fax ad un finanziatore del Qatar, chiedendo fondi per l’acquisto di equipaggiamento invernale per il campo di addestramento per i mujaheddin bosniaci in Jugoslavia e concludendo che: “sono convinto che basandosi sui fatti di oggi i progetti islamici in Europa abbiano la priorità su tutti gli altri, specialmente se consideriamo la possibilità di stabilire basi che offrano supporto tattico ai musulmani di tutto il mondo.”[42] Shaaban sperava di approfittare della guerra in Bosnia per fondare una base inattaccabile per ospitare i guerriglieri nordafricani in Europa. In un documento sequestrato dalle autorità italiane si legge che “Gli argomenti scottanti come la guerra in Bosnia scuotono gli animi dei giovani musulmani e stimolano il loro desiderio di affrontare l’inevitabile.”[51] Ovviamente, molti di quelli che hanno combattuto in Bosnia sotto la guida di Shaaban sono diventati “i comandanti, gli istruttori, l’élite dei Mujahideen.”[28] Durante le perquisizioni, le autorità italiane hanno scoperto vari documenti che collegavano Shaaban e l’Istituto alle attività jihadiste in Bosnia. Alcuni di questi documenti riportavano attività di addestramento paramilitare “organizzate dall’Istituto e dirette a coloro che vogliono combattere sul territorio Jugoslavo.”[42] Gli investigatori hanno recuperato una lettera scritta da Shabaan in cui descriveva: “un islamico di Sarajevo disposto ad ospitare istruttori islamici capaci di addestrare le reclute all’uso di armi da fuoco russe e baltiche per la guerra contro i serbi ortodossi.”[42] Un’altra lettera scritta in arabo diceva che:
Sono felice di mandarti questo filmato dalla Bosnia, la terra della guerra e della Jihad. Nel libro ci sono alcune pagine incollate tra loro, e in mezzo ci sono i negativi da sviluppare. In questo modo i bosniaci non li troveranno. Se li trovassero potrebbero arrivare a decapitarci.”[42]
Un altro fax dell’aprile 1995 confermava che l’Istituto milanese aveva ricevuto l’incarico ufficiale di diffondere comunicati e propaganda in favore dell’unità El-Mudzahidin.[42]
Nonostante ciò, Shabaan non era molto fedele alla sua missione di difesa dei musulmani bosniaci. Nel 1993 l’antiterrorismo americano avvertiva che gli estremisti islamici egiziani stavano pianificando un attacco all’ambasciata americana in Albania. Secondo la CIA: “I membridi Al-Gamat, tra cui Anwar Shaban, hanno partecipato alla ricognizione dell’ambasciata americana di Tirana.”[73] I nastri di sorveglianza dimostravano che i sospetti “guidavano attorno all’ambasciata.”[58] Nel frattempo, le intercettazioni telefoniche della CIA riportavano un “ordine di ricognizione inviato dall’estero a un volontario umanitario musulmano.”[59] La cooperazione tra la CIA e le autorità albanesi hanno probabilmente impedito l’esecuzione dell’attentato.  L’influenza di Shaaban si estendeva anche su altri fondamentalisti italiani come Mohamed Ben Brahim Saidani, volontario di guerra in Bosnia e imam presso la moschea di via Massarenti a Bologna. Nel 1993, Saidani aveva partecipato a un campo di addestramento in Afghanistan, e al suo ritorno aveva convinto 30 dei suoi seguaci a seguirlo in Bosnia. Saidani aveva fondato una coop chiamata “Piccola Società Cooperativa Eurocoop” con lo scopo di fornire Visa e permessi per i volontari jihadisti, permettendogli così di viaggiare in tutto il mondo.[60] Durante il processo per gli attentati alle ambasciate africane del 1998, il luogotenente di Al-Qaida Jamal al-Fadl ha parlato del suo viaggio a Zagabria nel 1992 e del suo incontro con Mohamed Saidani, in cui hanno parlato dei fatti in Bosnia e ha ricevuto i rapporti da inviare a Usama Bin Laden.[61] L’antiterrorismo italiano ha espresso preoccupazione dopo avere intercettato una lettera scritta da un fondamentalista islamico incarcerato in Italia nel luglio 1993. La lettera era stata scritta da Mondher Ben Mohsen Baazaoui (detto “Hamza il tunisino”), attivista del movimento An-Nahdah e combattente volontario in Bosnia. [62] Baazaoui scriveva a Mohamed Saidani (l’Imam bolognese collegato ad Anwar Shaaban e a Usama Bin Laden) dicendo che se il suo sciopero della fame non lo avesse fatto rilasciare dalla prigione, Baazaoui avrebbe compiuto un’azione omicida volta alla morte gloriosa[63] e chiedeva a Saidani di vendicare la sua morte con un’orazione funebre di terrore omicida: “ti suggerisco i francesi, non lasciare nessuno vivo, adulto o bambino. Lavora su di loro, ce ne sono molti in Italia, specialmente nelle località turistiche. Fai quello che devi tramite omicidio e rapina a mano armata. La cosa importante è che tu riesca a mandare contro di loro il fuoco che ho dentro. Voglio che questa sia una promessa.”[64]
Nel novembre 1994 le autorità italiane hanno scoperto un complotto da parte dei terroristi egiziani di Al-Jihad e di Al-Gama’atAl-Islamiyya volto all’assassinio del presidente Hosni Mubarak durante la sua visita a Roma[65] e hanno raddoppiato i loro sforzi di sorveglianza, particolarmente verso l’Istituto di Shaaban. Il 26 Luglio 1995 durante l’Operazione Sfinge, la polizia italiana ha arrestato 11 sospetti, di cui uno palestinese e 10 egiziani. La polizia ha anche compiuto 72 perquisizioni in tutto il nord italia. I sospetti sono accusati di collegamenti con Al-Gama’at Al-Islamiyya, associazione a delinquere, rapina, estorsione, falsificazione di documenti e possesso illegale di armi da fuoco.[66] Shabban non è stato trovato, nonostante le autorità fossero molto interessate a lui. Grazie a una soffiata, Shaban è scappato in Bosnia e ha trovato rifugio presso i mujiahideen locali.[67]
Così come succedeva in Afghanistan, anche in Bosnia i volontari partecipavano alla guerra per difendere gli altri musulmani ma si vedevano sfruttati per un altro scopo. Nel 1995 la Bosnia non era solo una copertura per i mujahideen, ma anche una testa di ponte per l’infiltrazione dei militanti di Usama bin Laden in Europa. Con la fine delle ostilità in Bosnia, Shabaan e i suoi seguaci erano liberi di dedicarsi ad altre faccende più importanti. Nel Settembre 1995 uno dei comandanti più importanti di Al-Gama’at al-Islamiyya in Europa, —Abu Talal al-Qasimy (detto Talaat Fouad Qassem)— veniva catturato dalle forze croate mentre tentava di infiltrarsi in Bosnia. Nel giro di pochi giorni i croati trasportavano al-Qasimi in Egitto sotto scorta americana. Nel frattempo, al Cairo, un ufficiale del governo egiziano commentava che “l’arresto di al-Qasimy prova la nostra teoria che vede i gruppi terroristici operare su scala mondiale, usando posti come l’Afghanistan e la Bosnia per addestrare terroristi che poi andranno in Medio Oriente e in Europa. I paesi europei devono capire da dove vengono i terroristi che vanno da loro ad attaccarli.”[68]
La prima risposta degli arabo-afghani all’arresto di al-Qasimy è arrivata il 20 Ottobre 1995, quando la cittadina croata di Rijeka venne scossa da una grossa esplosione.[69] Ale 11 e 22 del mattino, un attentatore suicida faceva saltare 70 chili di tritolo nascosti in una FIAT Mirafiori parcheggiata davanti alla centrale di polizia di Primorje-Gorani.[70] L’esplosione ha ucciso l’attentatore, e ha causato due feriti gravi e 27 feriti leggeri tra i civili, oltre a distruggere la centrale di polizia e a danneggiare vari edifici circostanti, tra cui una banca e una scuola.[69] La polizia croata ha trovato i frammenti di un passaporto canadese tra i detriti dell’esplosione. Tale passaporto apparteneva all’attentatore, già noto alle forze dell’ordine italiane per i suoi collegamenti con l’Istituto Culturale Islamico di Milano e con Anwar Shaaban.[70] La CIA ha confermato che l’attentatore era un membro di Al-Gama’at [al-Islamiyya].[73]
Il giorno dopo, le agenzie stampa occidentali al Cairo ricevevano un fax anonimo in cui si rivendicava l’attentato di Rijeka in nome di Al-Gama’at, dichiarando che: “dobbiamo dimostrare che il caso di Sheik Talaat Fouad Qassem non resterà impunito e che porterà a fiumi di sangue croato. Voi croati vi sbagliate, non ve la faremo passare liscia.”[74] Nel fax, i rappresentanti di Al-Gama’at chiedono che il governo croato: “rilasci Sheikh Qassimi e chieda pubblicamente scusa per le sue azioni. Avete aperto le porte dell’inferno, ora dovete chiuderle se non volete trovarvi davanti a una guerra in nome di Allah.”[75] Il controspionaggio americano dichiarò che Anwaar Shaaban era responsabile per avere organizzato l’attentato a Rijeka come preludio per una nuova strategia di terrore. Al termine delle ostilità nei Balcani, Shabaan “e altri leader mujahideen hanno iniziato a pianificare attacchi contro le forze NATO destinate in Bosnia”.[73] Secondo gli investigatori francesi, gli attacchi di Ottobre dimostrano che l’unità El-Mudzahedin Unit in Bosnia-Herzegovina “era comandata da Al-Gama’at al’Islamiyya, sia dal punto di vista ideologico che dal punto di vista militare.”[77]
Le autorità croate hanno passato anni a cercare i complici degli attentatori di Rijeka. I testimoni, tra cui un agente di polizia che si trovava nel parcheggio della centrale, hanno visto una Mercedes guidata da un arabo allontanarsi dalla scena poco prima dell’esplosione. Il guidatore è stato identificato come un ricercato egiziano di 36 anni legato a Al-Gama’at Al-Islamiyya, di nome Hassan al-Sharif Mahmud Saad. Saad, un residente di Cologno Monzese (Milano), era un personaggio importante nell’Istituto, al punto da essere parte del consiglio di amministrazione nell’ONLUS “Il Paradiso”. Saad possedeva un FIAT 131 Mirafiori targato Bergamo, il veicolo usato durante l’attentato a Rijeka. Fin dal 1993 Saad faceva la spola tra Bosnia e Italia, ma nel 1995 si decise a fare i bagagli e a trasferirsi permanentemente in Bosnia con la famiglia. I suoi amici presso l’Istituto affermano che Saad era andato a Zenica per unirsi all’unità El-Mudzahedin Unit, sotto la guida di Anwar Shaaban.[78]
Nel dicembre 1995, subito dopo l’attentato fallito presso l’ambasciata di Zenica, Shaaban incontrava la sua fine in Bosnia. Dopo uno scontro con le forze HVO croate, Shaaban e quattro dei suoi mujahideen venivano fucilati, dando fine al potere arabo-afghano in Europa. Purtroppo, anche dopo la morte di Shaaban, la rete di contatti creata da lui in Italia e in Bosnia continuava ad operare. Tale attività è dovuta al comandante mujahideen algerino Abu el-Ma’ali (detto anche Abdelkader Mokhtari) e al suo luogotenente Fateh Kamel (detto “Mustapha il terrorista”). Kamel, nato ad Algeri ma vissuto in Canada dal 1988,[79] aveva un atteggiamento professionale e una totale mancanza di scrupoli. Dopo il suo addestramento in Afghanistan, Kamel venne notato dalle autorità italiane per la sua attività di propaganda presso l’Istituto di Shaaban, in cui invitava gli altri musulmani ad unirsi ai mujahideen in Bosnia. Nel 1995, secondo le autorità francesi, l’unità El-Mudzahedin in Bosnia era comandata da queste tre persone: Anwar Shaaban come capo politico e ideologico, Abu el-Ma’ali come comandante militare, e Fateh Kamel come organizzatore logistico, incaricato di coordinare i trasporti di armi, documenti e reclute dai quartier generali a Zenica.[80] Secondo gli investigatori, i tracciati telefonici dimostrano che tra il 1994 e il 1995 ci sono stati contatti continui tra Abu el-Ma’ali, Anwar Shaaban e Fateh Kamel.[81]
Secondo le autorità francesi, Kamel e i suoi soci avevano legami con “varie organizzazioni terroristiche islamiche in tutto il mondo, tra cui Bosnia, Pakistan, Germania e Londra.”[82] Tra il 1994 e il 1997 Fateh Kamel viaggiava costantemente tra Milano, Montreal, Parigi, Amburgo, Francoforte, Zagabria, Bosnia, Copenhagen, Austria, Slovenia, Friburgo, Marocco, Ancona, Istanbul, Belgio e Amsterdam.[83] Kamel è stato registrato mentre diceva ai suoi seguaci che “Non temo la morte, perchè la Jihad è la Jihad, e per me uccidere è facile”[84]. Lui odiava la società in cui viveva e il modo in cui gli occidentali vedevano i musulmani: “Qui la gente si immagina il musulmano sul cammello, con quattro mogli e le bombe. Ci chiamano sempre terroristi.”[85] In un’intercettazione telefonica del 1996, subito dopo la fine della guerra in Bosnia, Kamel si confidava con i suoi seguaci dicendo che: “Preferisco morire che andare in galera. Ho quasi perso mia moglie. Ho trentasei anni, un figlio di quattro mesi e mezzo che gioca con mia moglie. Io intanto sono qui, sono quasi un soldato.”[86]
Sono bastati i dati nella sua agenda per confermare il ruolo di Kamal come organizzatore e coordinatore tra varie celle terroristiche in Europa e i comandanti di Al-Qaida in Bosnia e in Afghanistan. Tra gli altri, Fateh Kamel aveva i numeri di Akacha Laidi (detto Abderrahmane Laidi, Abou Amina), un leader della GIA in Inghilterra. Uno dei numeri sotto il nome di Akacha rispondeva a Djamal Guesmia, un terrorista conosciuto per i suoi legami con la GIA e i suoi successori il GPSC, Algerian Salafist Group for Prayer and Combat.[87] Fateh Kamel era particolarmente vicino ai gruppi di immigranti nordafricani e di convertiti europei che si erano uniti volontariamente ai mujahideen bosniaci all’inizio della guerra, diventando il loro punto di contatto con Anwar Shaaban e Abu el-Ma’ali.
Dopo la morte improvvisa di Shaaban nel 1996, Kamel iniziava ad attivare le unità di terroristi bosniaci infiltrate in Europa, istruendoli a prepararsi ad intervenire in Francia e in Italia. Tra il 6 e il 10 Agosto 1996, Kamel viveva nell’appartamento milanese di due sostenitori della GIA, tra cui Rachid Fettar, collegato con gli organizzatori dell’attacco alla metropolitana di Parigi del 1995. Fettar era un membro importante della GIA, l’organizzazione considerata l’erede della rete di estremisti europei di Safé Bourada, il comandante dei terroristi algerini responsabili per l’attentato alla metropolitana.[88] La visita di Kamel presso l’appartamento di Fettar e del suo amico Youcef Tanout era rivolta ad uno scopo preciso: come guidare una cellula terroristica alla costruzione e all’uso di una bomba ricavata da una bombola del gas simile a quelle usate nella metropolitana parigina. Kamel rispettava Rachid Fettar, ma si lamentava delle incertezze di Tanout e dei suoi compagni, dicendo che: “Ho insistito, ma non ho potuto farci niente. Possiamo fabbricare le bombe in Francia, e io posso trasportarle in Italia clandestinamente.”[89] Durante una discussione con Youcef Tanout, Kamel gli disse freddamente che: “Ma di cosa hai paura? Che ti scoppi tutto in faccia? Dimmi almeno che Mahmoud ha comprato le bombole.” Tanout gli rispose che uno dei suoi seguaci era andato a fabbricare le bombe in una foresta poco distante, e ammise a Kamel: “Non mi vergogno di ammettere di essere estremamente spaventato.”[90] Le paure di Tanout erano
fondate; il 7 Novembre 1996, lui e Fettar vennero arrestati nel loro appartamento milanese. Gli investigatori trovarono due bombole di gas, due ricetrasmittenti, 38 tubi metallici e altro materiale per la fabbricazione di esplosivi.[91]
Anche se l’attentato proposto da Fateh Kamel non è riuscito, rimane comunque la possibilità che ce ne siano altri in futuro. In generale, la cellula terroristica formata da Kamel, Anwar Shaaban e Abu el-Ma’ali è il prototipo per le cellule nordafricane che hanno progettato gli attentati del 2004 a Madrid. Ancora oggi, i terroristi addestrati dal gruppo di Fateh Kamel continuano a fare avanti e indietro dai Balcani. Nel 2005 il braccio destro di Kamel, il marocchino Karim Said Atmani, è stato rilasciato dalla prigione francese in cui era detenuto. La prima cosa che ha fatto è stata prendere un volo per Sarajevo dove si è incontrato con un comandante dei mujahideen bosniaci collegato ai gruppi terroristi islamici.[92] Nel 2006, dietro pressioni internazionali sulle autorità bosniache, Atmani è stato deportato in Marocco.
Scandinavia ed Europa del Nord
Fin da prima della guerra in Bosnia, la regione scandinava è diventata una base importante per i gruppi militanti islamici. I paesi come Norvegia, Svezia e Danimarca venivano considerati tolleranti e disposti ad offrire asilo politico ai militanti in fuga dalla giustizia e dal controspionaggio. In Scandinavia, questi ricercati sapevano di potersi aspettare “le stesse libertà che avrebbero avuto negli USA.”[93] Una rivista pubblicata nel Marzo 1995 da Al-Gama’at al-Islamiyya assicurava che alcune “persone importanti” tra i jihadisti egiziani erano riuscite ad ottenere asilo politico in Norvegia nonostante la stessa ambasciata norvegese al Cairo si fosse dimostrata riluttante.[42] Persino il capo supremo di Al-Gama’at al-Islamiyya—Shaykh Omar Abdel Rahman (correntemente detenuto a vita in una prigione di massima sicurezza americana) si vantava di avere viaggiato varie volte in Europa, “passando attraverso la Gran Bretagna, la Danimarca, la Svezia e molti altri paesi.”[95]
Pochi danesi sanno che nel 1993 la città di Copenhagen era uno dei rifugi per i militanti di Al-Gama’at al-Islamiyya. Il capo della delegazione di Al-Gama’at a Copenhagen era il noto Shaykh Abu Talal al-Qasimy, uno dei primi religiosi islamici a sostenere la Jihad bosniaca. Al-Qasimy è stato imprigionato varie volte dal governo egiziano, sia prima che dopo l’assassinio del presidente Anwar Sadat. Poco dopo, Al-Qasimy ha usato documenti falsi per scappare dall’Egitto e unirsi ai combattenti musulmani in Afghanistan. Durante i combattimenti, al-Qasimy “assunse l’impegno per la Jihad in nome di Allah e prese le armi.”[96] Durante il suo soggiorno in Pakistan, al-Qasimy fondò la rivista ufficiale di Al-Gama’at, la Al-Murabeton, e scrisse molti dei primi numeri. Nel gennaio 1993, il governo pakistano venne costretto dagli USA a cambiare le sue posizioni riguardo alla Jihad afghana e a chiudere le sedi dei mujahideen arabi, minacciando la deportazione per tutti i combattenti stranieri che fossero rimasti in Pakistan. Tali combattenti non sapevano dove andare, anche perché molti di loro sarebbero stati imprigionati e torturati al ritorno in madrepatria, ma un portavoce saudita per gli arabo-afghani di Jeddah dichiarò che “Gli algerini non possono tornare in Algeria, i siriani non possono tornare in Siria e gli iracheni non possono tornare in Iraq. Alcuni andranno in Bosnia, gli altri faranno meglio a trasferirsi in Afghanistan.”[97]
Secondo Hudhaifa, il figlio del Dr. Abdullah Azzam’s son, Abu Talal al-Qasimy era stato costretto a scappare in Afghanistan perché era ricercato dal governo pakistano che voleva catturarlo e deportarlo in Egitto, e che “riuscì ad ottenere un VISA che gli permise di espatriare.”[98] Al-Qasimy aveva ottenuto asilo politico in Danimarca, da dove continuò a diffondere le sue idee estremiste attraverso la sede estera di Al-Murabeton a Copenhagen.[99] Si dice che uno degli altri quattro editori a Copenhagen fosse il Dr. Ayman al-Zawahiri, il capo del gruppo jihadista egiziano e comandante in seconda di Al-Qaida.[100] Al-Qasimy era anche un amico di Anwar Shaaban, ed ebbe un ruolo di primo piano nella Jihad bosniaca. Il 24 Aprile 24, Abu Talal al-Qasimy tenne uno degli incontri più importanti di tutto il movimento jihadista mondiale nel suo ufficio di Copenhagen. Tra gli altri partecipanti c’erano Shaykh Anwar Shaaban da Milano e l’Imam Shawki Mohammed (detto Mahmoud Abdel al-Mohamed), il predicatore estremista della moschea di Al-Sahaba a Vienna—considerato dal controspionaggio italiano come uno dei rappresentanti più importanti del fondamentalismo sunnita in Europa. Il tema dell’incontro era la situazione dei mujahidden in ex Jugoslavia.[42] Abu Talal sperava che l’incontro avrebbe posto le basi per la creazione di un Consiglio Shura per l’UE, una coalizione di gruppi estremisti basati in Europa. Tale “Consiglio Shura” doveva essere un centro di comando in grado di gestirsi senza dovere aspettare ordini da Al-Gama’at al-Islamiyya o da Al-Jihad in Egitto o in Afghanistan. Una delle ragioni per la fondazione del gruppo era la gestione delle risorse europee per finanziare gli atti terroristici in Nordafrica e in Bosnia.[42] Una nota trovata nel diario di Anwar Shaaban riporta l’importanza dell’incontro con Abu Talal a Copenhagen per “fornire assistenza ai nostri fratelli algerini, tunisini, senegalesi e bosniaci.”[42]
Come Shabaan a Milano, Abu Talal al-Qasimy usava la sua posizione di spicco a Copenhagen per formarsi un consiglio di seguaci con la stessa mentalità, come il chierico palestinese Ahmed Abu Laban (detto Abu Abdullah al-Lubnani), trasferitosi in Danimarca nel 1993. Anche se parlava poco il danese, Abu Laban era diventato il rappresentate della piccola comunità musulmana in Danimarca, apparendo varie volte nei notiziari e negli incontri con i pubblici ufficiali. Un articolo del Washington Post dell’Agosto 2005 definiva Abu Laban “uno degli Imam più importanti della Danimarca.”[104]
Nonostante l’Istituto di Shaaban a Milano fosse poco appariscente, l’antiterrorismo italiano ha registrato varie visite di Abu Laban a scopo di “conferenze” o di “incontri di preghiera”.[42] Quando arrivarono le notizie dell’arresto di Abu Talal al-Qasimy in Croazia, Ahmed Abu Laban guidò una protesta di 500 musulmani locali presso l’ambasciata croata a Copenhagen. Durante le proteste dell’Ottobre 1995 (a cui partecipò anche la moglie di al-Qasimy), i manifestanti alzavano i pugni e urlavano Allahu Akhbar! Durante le interviste con i giornalisti, Abu Laban accusava gli USA, l’Egitto e la Croazia di essere i beneficiari della cattura di Abu Talal in Bosnia.[106]
Agli inizi del 2006, Ahmed Abu Laban tornò alle cronache quando organizzò una serie di rivolte in tutto il mondo musulmano come reazione alle vignette danesi che avevano offeso il Profeta. La prima volta in cui furono pubblicate, nel 2005, tali vignette vennero ignorate da tutto il mondo musulmano. Il 18 Novembre, Abu Laban dichiarava che avrebbe guidato una delegazione di musulmani danesi per tutto il Medio Oriente per attrarre l’attenzione su tali vignette:
Una delle nostre delegazioni visiterà il Cairo per incontrarsi con il segretario della Lega Araba Amr Moussa e con il Grande Imam di Al-Azhar Sheikh Mohammad Sayyed Tantawi… La delegazione visiterà anche l’Arabia Saudita e il Qatar per incontrare il grande studioso islamico Sheikh Yussef Al-Qaradawi… Vogliamo rendere questo problema una faccenda internazionale, in modo che il governo danese capisca che queste vignette non hanno offeso solo i musulmani danesi, ma i musulmani di tutto il mondo. Abbiamo deciso di fare questo passo perchè non si può chiudere gli occhi sulle discriminazioni contro i musulmani europei e sul fatto che i governi affermino che non siamo democratici e che non riusciamo a capire la cultura occidentale.”[107]
Durante gli incontri con i governanti musulmani, la delegazione di Abu Laban ha mostrato le vignette pubblicate dallo Jyllands-Posten insieme ad altre vignette molto più offensive che non sono mai state pubblicate in Scandinavia, tra cui una vignetta in cui il Profeta aveva un rapporto sessuale con un cane. La delegazione ha mostrato anche altro materiale offensivo e completamente falso, in cui si dimostrava che il governo danese discriminava e opprimeva i musulmani in Danimarca.[108] In poche settimane la propaganda di Abu Laban ha mandato la situazione fuori controllo, causando attacchi alle ambasciate scandinave in Siria, Libano, Iran, Pakistan e Palestina.
Nel frattempo, in Svezia le cellule terroristiche nordafricane che prima erano dirette al finanziamento dei jihadisti in Afghanistan, Nordafrica e Balcani, passavano al reclutamento di estremisti locali e ad altre attività illegali. Secondo la CIA, a Stoccolma l’organizzazione “caritatevole” arabo-afghana “Human Concern International” (HCI) era una copertura per il traffico d’armi in Bosnia.[73] I notiziari musulmani europei scrivevano che grazie ai contributi della popolazione musulmana in Svezia l’ufficio di Stoccolma della HCI aveva “rifornito i mujahideen afghani. L’organizzazione aveva raccolto più di mezzo milione di corone in un anno e le aveva mandate ai mujahideen afghani. Stiamo ancora aiutando i giovani arabi ad andare in Afghanistan a contribuire alla Jihad.”[110] Il giornale francese Le Monde confermava che la polizia francese sospettava che gli uffici croati e svedesi della HCI avessero fatto da basisti per le cellule terroristiche della GIA responsabili per l’attacco alle metropolitane di Parigi del 25 Luglio 1995.[111] Dopo l’attentato a Parigi, le autorità svedesi arrestarono il membro della GIA Abdelkerim Deneche a Stoccolma. Deneche era già stato indicato dai media francesi come un ex impiegato presso l’ufficio di Zagabria della HCI.
Così come i loro colleghi inglesi, i gruppi di giovani estremisti algerini emigrati in Svezia andavano in Bosnia a combattere contro i cristiani. Il 19 Settembre 1993 uno di questi giovani mujahideen,
“Abu Musab al-Swedani”, veniva ucciso dalle forze militari croate vicino alla città bosniaca di Kruscica (vicino Vitez). Secondo i suoi amici, Abu Musab era nato in Svezia, figlio di madre svedese e padre algerino, cresciuto in Scandinavia ma convertitosi all’Islam all’età di 20 anni. Musab fece un viaggio in Arabia Saudita per imparare l’arabo e studiare la Shari’ah. Nei due anni passati in Arabia, Musab divenne un fondamentalista islamico, al punto da predicare la sua religione a tutte le persone vicine a lui. [112] Negli anni 80 la Jihad in Afghanistan era su tutti i giornali, attraendo l’attenzione delle comunità islamiche in occidente. Abu Musab “seguiva le notizie che gli arrivavano da tutto il mondo, in particolare i massacri e le deportazioni di musulmani. A questo punto, capì che non esisteva dignità nell’Islam se non nella Jihad.” Abu Musab andò a Peshawar, la città della Jihad, insieme ad un altro giovane estremista che faceva già parte dei mujahideen. Dopo qualche esitazione, Musab andò in Afghanistan per farsi addestrare al combattimento e per lottare in favore alla rivoluzione islamica. Al termine della Jihad afghana, Abu Musab tornò in Svezia e sposò una musulmana, ma il 1992 decise di seguire di nuovo la Jihad, questa volta in Bosnia. Abu Musab al-Swedani si unì agli estremisti basati sul campo del monte Igman, sotto la guida del “Generale” Abu Ayman al-Masri.[112] Dopo essere sopravvissuto a vari mesi di combattimenti, Abu Musab venne ucciso da un cecchino durante il caos di un attacco alle forze croate .[112] La biografia e la foto di Al-Swedani vennero descritte nel film di propaganda jihadista in lingua inglese “The Martyrs of Bosnia,” prodotto dall’agente londinese di Al-Qaida Babar Ahmad.[112]
Quando la guerra in Bosnia finì improvvisamente nel Settembre del 1995, la rete di contrabbandieri e di reclutatori jihadisti a Stoccolma continuò ad operare senza fermarsi un secondo. La Jihad divenne un argomento molto diffuso, e ci furono parecchi individui abitanti in Scandinavia che affermarono di essere i portavoce di gruppi estremisti islamici. Tra questi spiccano “Abu Fatima al-Tunisi” (un portavoce per un gruppo di estremisti residente a Stoccolma) e “Abu Daoud al-Maghrebi” (un attivista abitante in Svezia che lavorava per conto della GIA).[116] Persino la rivista Nusraat al-Ansaar l’organo quasi ufficiale della GIA in Europa, ha una casella postale presso il Box 3027 ad Haninge, in Svezia.[117]
I militanti svedesi che all’inizio si erano mobilitati per i conflitti in Bosnia e in Afghanistan sono stati i primi a fondare una pagina Internet in arabo per il gruppo algerino GIA, con un’intera sezione dedicata al terrorismo.[118] Loro sono le stesse persone che hanno distribuito manuali di addestramento per terroristi tramite Internet, molti dei quali sono diventati documenti di riferimento per i mujahideen, tra cui un lungo trattato intitolato “The Restoration of the Publication of the Believers,” scritto dall’egiziano Dr. Ayman al-Zawahiri. Quando venne pubblicato su Internet, il libro di Zawahiri aveva ancora l’etichetta del 1996 in cui lo si identificava come proprietà del “Muslimska Forsamilingen i Brandbergen, Jungfrugaten 413 N.B.”[119]
Conclusioni
In generale, tutti i conflitti del mondo islamico hanno conseguenze sui musulmani europei. La vicinanza della Bosnia all’Europa e la natura stessa del conflitto (una minoranza musulmana perseguitata da due maggioranze cristiane) hanno influito sui giovani europei così comenessun altro conflitto prima di allora. La guerra in Bosnia è  diventata una chiamata alle armi che ha unito vari gruppi di estremisti musulmani da tutta Europa sotto una causa comune, una lotta che non si è fermata neanche dopo la firma degli accordi di Dayton e la fine della guerra. La scoperta di una rete internazionale di terroristi basata a Sarajevo e diffusa in Svezia, Danimarca e UK è la dimostrazione del fatto che la jihad bosniaca continua a influenzare le reti di mujahideen europei. Lo scorso autunno le autorità bosniache hanno annunciato una serie di arresti al culmine di una operazione di sicurezza detta Operazione Mazhar. I sospetti presi in custodia avevano acquistato esplosivi e pianificato una serie di attacchi suicidi contro una serie di obiettivi in Europa. Il capo della cella, lo svedese Mirsad “Maximus” Bektasevic era andato in Bosnia per pianificare un attacco rivolto a costringere i governi europei a ritirare le forze dall’Iraq e dall’Afghanistan[120]
In un video sequestrato dalla polizia bosniaca si vedono militanti mascherati che costruiscono esplosivi, mentre un altro uomo mascherato, probabilmente Bektasevic, dichiara che: “Questi esplosivi saranno usati contro l’Europa, contro gli stati che hanno schierato forze in Iraq e in Afghanistan. Questi due fratelli hanno dato le loro vite ad Allah pur di aiutare i loro fratelli e sorelle. Abbiamo già tutto pronto.” I tracciati dei cellulari dimostrano che Bektasevic era in contatto con altri estremisti in Danimarca e in UK[121], e che stava reclutando giovani volontari per il campo di Abu Musab al-Zarqawi in Iraq.[122] Inoltre, uno dei sospetti arrestati in Bosnia-Herzegovina con la rete di Bektasevic era il segretario di una compagnia finanziaria usata come attività di copertura dai veterani della unità El-Mudzahedin Unit a Sarajevo e a Zenica.
Concludendo, la rete di fondamentalisti musulmani formatasi durante il conflitto in Bosnia continua ad essere una minaccia per gli stati europei. Nel futuro, sarà importantissimo che le agenzie europee di sicurezza nazionale condividano le informazioni relative alle identità di coloro che hanno legami con le forze dei mujahideen balcanici, così come hanno fatto con i combattenti afghani e iracheni. Inoltre, dovranno sostenere gli sforzi delle autorità bosniache nella lotta contro gli estremisti stranieri che sono ancora in Bosnia. Senza un’assistenza internazionale, è improbabile che la Bosnia da sola possa portare a termine un compito tanto vasto e complesso.
Fonti:
1.Interview with Shaykh Abu Hamza al-Masri at the Finsbury Park Mosque;
June 28, 2002.
2.Video interview clip of Abu Ibrahim al-Brittanee; 21-years old,
Goulders Green, London.
3.“The Jihad in Bosnia.” Al-Daawah (Islamabad). P.O. Box 3093;
Islamabad, Pakistan. Publisher: Shaykh Waseem Ahmed. January 1993.
4. Azzam Publications. “In the Hearts of Green Birds.” Audiocassette tape transliterated by Salman Dhia Al-Deen.
http://www.azzam.com.
5. “Review of the Information on Activities of the Persons from Afro-Asian Countries Directly Before the War and During the War in the Territory of BIH Republic.” Report written by the BIH Administration of the Military Security Service– Department for Analytical and Informative Affairs.” Sarajevo; May 6, 1995.
6. “Shema Hijerarnijskim Odnosa OpO ‘VAZAL.’” Report written by the ARBiH Military Intelligence Service. November 28, 1995. See sections marked: “Lica Sa Kojima Kontaktira Abu Maali Hasan” and “Donatori Jedinice ‘El Mudzahidin.’”
7.
8. “Disruption of the enemy’s activities.” Memorandum dispatched from Zenica by Colonel Ramiz Dugalic, commander of the Ministry of Defense Security Administration – Republic of Bosnia and Herzegovina. Army of Bosnia and Herzegovina (ARBiH) Security Service Department. Classified No. 258-33. September 14, 1994.
9.
10.
11. Jean-Louis Bruguiere and Jean-Francois Ricard. “Requisitoire Definitifaux aux Fins de Non-Lieu. De Non-Lieu partiel. De Requalification. De Renvoi devant le Tribunal Correctionnel, de mantien sous Controle Judiciaiare et de maintien en Detention.” Cour D’Appel de Paris; Tribunal de Grande Instance de Paris. No. Parquet: P96 253 3901.2. Page 157.
12. “Jucio a la Célula Espanola de Al Qaeda.” El Mundo (Spain). June 6, 2005.
13. “Spanish court jails 18 in al-Qaida trial.” Al-Jazeera. September 26, 2005.
14. Jean-Louis Bruguiere and Jean-Francois Ricard. ………….Page 169.
15. Philps, Alan. “New ‘arc of crisis’ fuels fears over Muslim aggression.” The Daily Telegraph (London). October 8, 1992. Page 15.
16. Aydintasbas, Asla. “Why they can’t turn their backs on the veil.” The Independent (London). April 28, 1994. Page 22.
17. Unidentified video interview of “Abu Ibrahim.” Originally obtained from the Finsbury Park Mosque, London.
18.
19. Sohail A Osman (sohail@muslimsonline.com). “Subject: Global Jihad Fund.” Newsgroup: soc.religion.islam. August 30, 1998.
20. “Global Jihad Fund: Mission Statement.” http://www.ummah.net/jihad/about.htm. November 2000.
21. Mohammed Sohail (info@zakat.org.uk). “One Deen, One Ummah, One Struggle.” Newsgr:alt.religion.islam. Jan 31, 1996.
22. Sohail A Osman (sohail@muslimsonline.com). “Subject: Global Jihad Fund.” Newsgroup: soc.religion.islam. Aug 30, 1998.
23. Hastings, Chris and Jessica Berry. “Muslim militia training in Britain.” The Ottawa Citizen. November 07, 1999. Page A6.
24. Frost, Bill. “British troops poised to quit Vitez base.” The Times (London). June 14, 1993.
25.
Bishop, Patrick. “Islamic warriors lead Balkan attack.” The Daily Telegraph. June 14, 1993. Page 10. See also: O’Kane, Maggie. “Mujahedeen fighting in Bosnia, British say.” The Guardian (London). June 14, 1993. Page A6.
26. “Moslem fighters ‘led by Briton.’” Daily Mail (London). October 29, 1993. Page 2.
27. Azzam Publications. “In the Hearts of Green Birds.” Audiocassette transliterated by Salman Dhia Al Deen.
28. Azzam Publications. “Under the Shades of Swords.” Audiocassette sequel to “In the Hearts of Green Birds.” November 1997. Azzam Recordings; London, UK.
29.
30.
31.
32. O’Connor, Mike. “5 Islamic Soldiers Die in Shootout With Croats.” The New York Times. December 16, 1995. Page 6.
39. Muir, Hugh. “British Muslim convert jailed for terrorism offences.” The Guardian (London). September 24, 2005.
42. Italian Division of General Investigations and Special Operations (DIGOS) Anti-Terrorism Report. “Searches at the Islamic Cultural Center, Viale Jenner 50, Milano, 6/26/1995.” Dated September 15, 1997.
43. Azzam Publications. “The Martyrs of Bosnia: Part I.” PAL/NTSC Format. Length: 150 minutes approximately. ©2000.
44. Ibid.
46. United States v. Usama bin Laden, et al. S(7) 98 Cr. 1023 (LBS). United States District Court, Southern District of New York. Trial Transcript, February 21, 2001. Pages 1106-1107.
47. Jean-Louis Bruguiere and Jean-Francois Ricard. ………….Page 99.
51. Italian Division of General Investigations and Special Operations (DIGOS) Anti-Terrorism Report. “Searches at the Islamic Cultural Center, Viale Jenner 50, Milano, 6/26/1995.” Dated September 15, 1997. See: Shaaban, Anwar. “Conversations Among Friends: Where is the Damage?” Sawt al-Haqq Magazine. No. 66; June 1995.
58. Higgins, Andrew and Christopher Cooper. “CIA-backed team used brutal means to break up terrorist cell in Albania.” The Wall Street Journal. November 20, 2001.
59. Ibid.
60. Jean-Louis Bruguiere and Jean-Francois Ricard. …………. Page 97.
61. United States v. Usama bin Laden, et al. S(7) 98 Cr. 1023 (LBS). United States District Court, Southern District of New York. Trial Transcript, February 20, 2001. Page 997.
62. Jean-Louis Bruguiere and Jean-Francois Ricard. ………….Page 94. See also: “Italian police arrest alleged Tunisian militant.” Reuters. September 29, 2002.
63. Jean-Louis Bruguiere and Jean-Francois Ricard. …………. Page 96.
64. Jean-Louis Bruguiere and Jean-Francois Ricard. …………. Page 96.
65. Rodan, Steve. “Mubarak on a powder keg.” The Jerusalem Post. June 30, 1995. Page 11.
66. Willan, Philip. “Italians arrest suspected Islamic militants.” United Press International. June 26, 1995.
68. Ibrahim, Youssef, M. “Muslim militant leader arrested on way to Bosnia, Egypt reports.” The Houston Chronicle. September 24, 1995. Sec. A; Page 31.
69. Croatian Radio. Broadcast in Serbo-Croat language in Zagreb. October 20, 1995; 1600 GMT.
70. Gatti, Fabrizio. “1995: From Milan a car bomb leaves for Fiume.” Corriere della Sera (Italy). November 11, 2001.
73. January 1996 CIA Report on “International Islamic NGOs” and links to terrorism. Page 13. See also: Affidavit by Senior Special Agent David Kane (Bureau of Immigration and Customs Enforcement, Department of Homeland Security). United States of America v. Soliman S. Biheiri. United States District Court for the Eastern District of Virginia, Alexandria Division. Case #: 03-365-A. August 14, 2003. Page 2.
74. “Egyptian Radical Group Claims Bombing in Croatia.” The Associated Press. October 21, 1995.
75. “Jamaa claims Croatia bombing, Mubarak cancels New York trip.” Deutsche Presse-Agentur. October 21, 1995.
77. Jean-Louis Bruguiere and Jean-Francois Ricard. …………. Page 160.
78. Gatti, Fabrizio. “1995: From Milan a car bomb leaves for Fiume.” Corriere della Sera (Italy). November 11, 2001.
79. Jean-Louis Bruguiere and Jean-Francois Ricard. ………….Page 7.
80. Jean-Louis Bruguiere and Jean-Francois Ricard. ………….Page 99.
81. Jean-Louis Bruguiere and Jean-Francois Ricard. ………….Page 100.
82. Jean-Louis Bruguiere and Jean-Francois Ricard. ………….Page 126.
83. Jean-Louis Bruguiere and Jean-Francois Ricard. ………….Page 148.
84. Pyes, Craig and Josh Meyer et al. “Bosnia Seen as Hospitable Base and Sanctuary for Terrorists.” The Los Angeles Times. October 7, 2001. Page A1.
85. Jean-Louis Bruguiere and Jean-Francois Ricard. ………….Page 104.
86. “Mustapha the Terrorist.” National Post (Canada). February 24, 2001.
87. Jean-Louis Bruguiere and Jean-Francois Ricard. ………….Page 146.
88. “Bombing trial opens in Paris.” CNN Online. November 24, 1997. See also: Jean-Louis Bruguiere and Jean-Francois Ricard. “Requisitoire Definitifaux aux Fins de Non-Lieu. De Non-Lieu partiel. De Requalification. De Renvoi devant le Tribunal Correctionnel, de mantien sous Controle Judiciaiare et de maintien en  Detention.” Cour D’Appel de Paris; Tribunal de Grande Instance de Paris. No. Parquet: P96 253 3901.2. Page 105.
89. Jean-Louis Bruguiere and Jean-Francois Ricard. ………….Page 103.
90. Jean-Louis Bruguiere and Jean-Francois Ricard. ………….Page 105.
91. Jean-Louis Bruguiere and Jean-Francois Ricard. ………….Page 105.
92. Jean-Louis Bruguiere and Jean-Francois Ricard. ………….Page 109.
93. Interview of Ahmed Zaidan by Steven Emerson and Khalid Duran. October 25, 1993.
95. “Dr. Omar Abdul Rahman to Nida’ul Islam: ‘Muslims Should Continue to Call to Allah and Struggle Relentlessly For His Sake.” Nida’ul-Islam. Issue No. 16; December 1996/January 1997. http://www.islam.org.au/articles/16/dromar.htm.
96. Sheikh Abu Ithar. “Sheikh Abu Talal Al-Qasimy, Infatuated With the Pen and the Spear.” Al-Nida’ul Islam. Issue 21; December-January 1997-1998. http://www.islam.org.au.
97. Evans, Kathy. “Pakistan clamps down on Afghan Mojahedin and Orders Expulsion of Arab Jihad Supporters.” The Guardian (London). January 7, 1993. Page 7.
98. Interview of Hudhaifa Azzam by Steven Emerson and Khalid Duran. October 21, 1993.
99. Sheikh Abu Ithar. “Sheikh Abu Talal Al-Qasimy, Infatuated With the Pen and the Spear.” Al-Nida’ul Islam. Issue 21; December-January 1997-1998. http://www.islam.org.au.
100. “MSANEWS EGYPT UPDATE: June 27, 1995: Zawahiri, Kassim, Ben Laden and the gang .. and a brotherly gesture from Russia (fwd).” MSANews. June 27, 1995.
104. Sullivan, Kevin. “Denmark Tries to Act Against Terrorism as Mood in Europe Shifts.” Washington Post. August 29, 2005.
106. Nasrawi, Salah. “Islamic Group Warns Americans Over Conviction of Sheik.” October 3, 1995.
107. Qenawi, Ayman. “Danish Muslims ‘Internationalize’ Anti-Prophet Cartoons.” Islam Online. November 18, 2005. http://islamonline.net/English/News/2005-11/18/article02.shtml.
108. Vidino, Lorenzo. “Creating Outrage.” National Review Online. February 6, 2006.
109. 
110. Al-Ghuraba Magazine. The Islamic Student Association in the U.K. and Ireland. P.O. Box 82; Leeds, UK L53 1DZ. No. 7; July 1989. Page 22.
111. “Paris bomb suspect says has alibi in Sweden-report.” Reuters. August 23, 1995.
112. Azzam Publications. “The Martyrs of Bosnia: Part I.” PAL/NTSC Format. Length: 150 minutes approximately. ©2000.
116. “Algeria’s GIA warns of impostors operating in its name in Europe.” Mideast Mirror. Vol. 9, No. 51. March 15, 1995.
117. Mirak-Weissbach, Muriel. “The case of the GIA: Afghansi out of theater.” Executive Intelligence Review. October 13, 1995.
118. http://www.zyworld.com/gia/gia.htm. July 2001. See also: Holmstrom, Mj. Conny. “Terroristorganisationer pa Internet, en mojlighet eller realitet?” Forsvarshogskolan C-uppsats. June 19, 2001. Page 70. http://www.annalindhbiblioteket.se/publikationer/uppsatser/2001/chp9901/holmstrom_1064.pdf.
120. “Bosnia says trio planned suicide attacks in Europe.” Reuters. April 18, 2006.
122. Hosenball, Mark. “Target Washington?” Newsweek. November 4, 2005.