La democrazia di Youtube

Sono un professionista e un esperto. Non di tutto, ovviamente, ma di alcune aree dello scibile umano legate alla tecnologia. Quando parlo di queste cose, penso che la mia opinione valga più di quella di molti altri.

Non lo avrei mai pensato, ma affermare una cosa simile fa incazzare un mare di gente. Per molti italiani (e non solo) questa affermazione attira risposte come “ma chi cazzo ti credi di essere?”, “fascio di merda”, “uno vale uno” e altre troiate simili. Una delle troiate peggiori è l’affermazione: “Ah, tu non sei democratico!”

Come scritto su qualunque dizionario, la democrazia è una forma di governo, non uno stato di eguaglianza. Democrazia significa che siamo tutti uguali di fronte alla legge e nei confronti degli altri. Non ci sono cittadini di prima e seconda classe. Questo non vuol dire che l’opinione del giardiniere di Codroipo valga quanto quella del chirurgo, nonostante molti cerchino di fare credere che “democrazia” significhi questo.

La Youtube-Democrazia

I social media ci hanno dato la possibilità di cercare e trovare quantità enormi di informazioni, molte più di quante se ne potessero trovare prima. Solo pochi anni fa, il massimo che si poteva fare quando avevi una curiosità era cercare su un dizionario o un’enciclopedia (per chi l’aveva), basarsi sul sentito dire, oppure pagare un vero esperto e sperare che non ti imbrogliasse. Ciò è un bene, ma ci sono vari fattori da considerare.

  • Ignoranza di base: quando uno ha poca istruzione scolastica non è in grado di decifrare un testo complesso. In molti casi, l’ignorante si limita a leggere due frasette e a riempire i buchi con la fantasia e i suoi preconcetti, se non a leggere direttamente solo il titolo e la prima riga.
  • Tendenza alla conferma: la tendenza naturale a basarsi sulle opinioni che si avevano già. L’antivaccinista convinto ignorerà tutte le parti di un articolo in cui si dimostra che l’antivaccinismo è una cazzata, e si leggerà solo quelle due righe che gli danno ragione.
  • Effetto Donning Kruger: in pratica, più uno è ignorante, più si crede sapiente. Il testimone di Geova con la quinta elementare si guarda due video di Youtube e si crede di sapere tutto riguardo alla circolazione del sangue. Quello che ha studiato capisce che ci vogliono anni e anni di studio per capirne qualcosa.
  • Bolla di Google: molti non lo sanno, ma i motori di ricerca tengono conto delle abitudini dell’utente e gli danno i risultati basandosi sulle sue abitudini. Una stessa ricerca fatta su due computer diversi darà risultati completamente differenti. I risultati dei motori di ricerca sono “fatti su misura” per l’utente. E’inutile dire “cercatelo su Google”, dato che i risultati Google saranno sempre diversi. Questa è una cosa che ho notato chiedendo a un cristianaccio di cercare i risultati per “teoria gender” e di dirmi cosa vedeva. I suoi risultati erano TUTTI di siti cristobigotti che parlavano del “complotto gender” come di un pericolo reale!
  • Cattive abitudini: in generale, la scuola italiana non insegna a fare ricerche e a controllare le fonti dei dati. Gli studenti se ne partono con un’idea tipo “l’Italia del primo dopoguerra era una grande potenza industriale“, oppure “i piemontesi si sono arricchiti rapinando il Sud che allora era ricchissimo” (due stronzate enormi). A questo punto lo studente comincia a cercare su Google, e tra i primi dieci risultati si sceglie i due che gli danno ragione, ignorando tutti gli altri. Intendiamoci, non sto dando la colpa agli studenti. L’insegnante italiano medio ha difficoltà ad usare Facebook, figuriamoci se può insegnare agli studenti come “filtrare” i risultati di una ricerca! 

Quindi, riassumendo, ci troviamo di fronte a due fenomeni:

  • Idioti che non sanno informarsi, anche se hanno un mare di informazioni.
  • Idioti che non sanno informarsi, anche se hanno un mare di informazioni, e si credono di saperne quanto e più dei veri esperti.

Questo è un problema serio. OK, sono il primo a dire che ci sono stati esperti che hanno fatto un mare di cazzate. Siamo italiani, abbiamo visto tutti casi orribili di malasanità dovuta a medici strafottenti, male addestrati o semplicemente incapaci. Abbiamo visto tutti ingegneri, avvocati e architetti fare cazzate incredibili. Resta il fatto che se c’è bisogno di un intervento qualificato, è meglio affidarsi al professionista che al laureato all’università della vita. Una cultura che rifiuta il valore dello studio e della cultura può finire solo così:

 

Musulmani somali discutono il nuovo piano regolatore.

OK, ammetto che la nostra cultura razionalista ha fatto tante porcherie. Resta il fatto che l’alternativa sia un milione di volte peggio. OK, abbiamo avuto il Thaliomide, la Coca Cola, Justin Bieber e tante altre porcherie, ma abbiamo avuto anche la cura per tante malattie e la possibilità di vivere in pace e in sicurezza come non è mai successo nella storia umana.

Il problema in politica

Il merdaio peggiore arriva quando questo discorso viene preso da un politico. Per il politico le masse di ritardati sono una benedizione: gli basta strillare che I PROFEXXORONI ANNO FATTO IL COMPLOTTO PADRONI HA CASA NOSTRA, e gli analfabeti voteranno per lui. Rischiamo di avere il paese governato da gente che crede nelle scie chimiche, nelle sirene, nella Biowashball e nel complotto antivaccinista. D’accordo, possiamo anche non votarli, ma poi ci troveremo tutti con l’USL che prescrive i fiori di Bach e le tinture omeopatiche al posto dei vaccini e delle trasfusioni!

Il problema nelle discussioni comuni

Sembra che i cittadini italiani abbiano seguito perfettamente l’esempio dei politici e dei reality show: non c’è verso di fare una discussione che non finisca come una gara di grufolii tra maiali. Dire “vedi che non è proprio così, ti hanno informato male” è l’equivalente del dire “tua madre mi ha tirato una pompa per cinquanta centesimi.” Correggere uno che sta dicendo una stronzata assurda è impossibile senza fare finire tutto in rissa. Se non sei d’accordo con l’interlocutore, vuol dire che lo odi. Se rifiuti di considerare un altro parere, allora sei un bigotto e un fascio, anche se tale parere è un’idiozia completa. Se affermi qualcosa ti chiederanno prove su prove, ma per loro basta averlo letto di sfuggita su Facebook per renderlo verità eterna.

Questo rende la discussione una perdita di tempo. Molti partono da premesse completamente sbagliate e non hanno la minima idea di come funzioni un ragionamento logico. Non si può discutere con uno che si inventa le leggi della logica e il significato delle parole. Non ha senso doversi mettere d’accordo sul linguaggio da usare prima ancora di iniziare a parlare. Non c’è neanche il tempo di iniziare la discussione, che l’interlocutore è già annoiato e spazientito perchè “fai troppo il professore”. In ogni caso, la maggior parte degli italiani ragiona per sillogismi sbagliati e slogan senza senso ripetuti a memoria, dato che suonavano bene.

 

Conclusioni

  • A volte anche gli esperti sbagliano.
  • Gli esperti sbagliano meno dei laureati all’università della strada.
  • L’opinione di un esperto vale più di quella del giardiniere di Codroipo con la terza elementare. Questo è un dato di fatto, non un’offesa al suddetto giardiniere.
  • In una discussione, devi avere almeno le basi dell’argomento di cui si parla, altrimenti il tuo commento sarà aria fritta.
  • Avere un’opinione o avere studiato all’università di Youtube NON valgono come base. Le basi sono studio o esperienza pratica.
  • Democrazia significa che il tuo voto vale quanto il mio, non che il tuo parere valga quanto il mio.
  • Se ti sembra che ciò non ti riguardi, ricorda che gli ignoranti a volte VOTANO, e che i politici in generale seguono la volontà dei votanti.

 

Vabbè, non avete capito una beata, amatissima minchia di niente. Eccovi un paio di tettone così vi distraete!

 

 

 

 

14 thoughts on “La democrazia di Youtube

  1. La teoria gender è tutt’altro che una minchiata; parlo da omosessuale e non credente. Mi piacerebbe che scrivessi un post che argomentasse meglio questa materia. Attenzione alle parole, sono un’importantissima arma per incastrare il pensiero e cambiare la percezione.
    Avere a disposizione informazione illimitata non serve a nulla se non si ha una pre-conoscenza, soprattutto nelle nuove generazioni questo è evidente.
    Citi spesso codroipo, conosco bene quel buco di culo, è il tristissimo paesello dove ho fatto la naja (ma forse tu lo utilizzi per il suo anagramma?)

  2. Due cose:

    1) Il tema del blog è un po’ smerdato, spara le immagini duplicate sia in cima che in fondo al post e nel footer vedo un bel “WordPress database error”
    2) Si può avere l’indirizzo per il feed rss?

    1. Grazie, credo di averlo sistemato. Come ho detto, sono un esperto di tante cose, ma la masturbazione di cazzettini HTML non è una di esse. Per l’RSS dovrebbe essere questo:

      http://emigrantebestemmiante.com/feed/

      Ma ammetto di capirne poco. Aspetta che cerco di mettere il cazzo di pulsantino clitorideo RSS da qualche parte…

      1. Il feed funziona 🙂 Anche il tema mi sembra a posto, non vedo più le immagini duplicate. C’è sempre quell’errore nel footer, ma probabilmente è qualche widget della minchia di wp che baca il cazzo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.