Per non dimenticare – Il caso di Pippa Bacca

Cari amici, oggi ricorderemo il caso di Giuseppina Pasqualino di Marineo, detta anche Pippa Bacca.

 

Ecco la nostra eroina!

OK, va bene, è un cesso immondo fatto donna  non sarà bellissima ma sicuramente avrà altre qualità. Probabilmente sarà intelligente e con una grande cultura, giusto?

Antefatto

Pippa Bacca era un’artista cresciuta in una buona famiglia di intellettuali e vissuta tra mostre, esposizioni e contatti con l’ambiente artistico italiano. Il culmine della sua vita è stato un’opera di performance art, volta a dimostrare come la pace tra i popoli sia possibile e come siano tutti buoni e tolleranti a parte quei cattivacci ignoranti di destra.

La sposa in viaggio

La sua opera, chiamata “sposa in viaggio”, consisteva nell’indossare un vestito da sposa e viaggiare in autostop da Milano a Gerusalemme in autostop, entrando a contatto con la cultura dei paesi che attraversava.
La tenuta più adeguata per chiedere un passaggio a un camionista slavo
A questo punto, anche il più ignorante e bestiale dei lavacessi terroni con la terza elementare avrà capito come è andata a finire. Il cadavere accoltellato e strangolato di Pippa è stato ritrovato a sud di Istanbul. E’ da notare che tale cadavere gocciolava borra di turco da tutti i buchi.
Grazie alle amicizie della famiglia, le autorità si sono messe subito in moto e hanno arrestato un pregiudicato turco che aveva in tasca il cellulare di Pippa. Il fatto che il crimine fosse stato commesso da varie persone e che il turco fosse troppo ignorante per avere cancellato i dati del cellulare non ha preoccupato nessuno, alla fine quello che serviva era uno a cui dare la colpa. Il turco si è beccato trent’anni di galera, il corpo è stato riportato in Italia per la sepoltura (anche perchè probabilmente i turchi se la sarebbero stuprata pure da morta) ed è finita lì.

Conclusioni

Morta a 33 anni con un cazzo turco in gola. Complimenti!
La famiglia sinistorsa di Pippa non ha rinunciato al suo sogno sinistorso nemmeno di fronte al cadavere della figlia usata come puching-ball e come borratoio. Le loro parole sono state “sarebbe potuto succedere dovunque, anche alla stazione di Milano” (ma è successo a Istanbul, coglioni) e “il messaggio di Pippa non sia dimenticato e che sia portato avanti da tutti: la fiducia negli altri e la volontà di pace” (non sarà dimenticato, così come non sarà dimenticato il modo in cui è finita).

Intendiamoci, si trattava di un’artista di performance art, nessuno ne sentirà la mancanza. Al massimo si potrebbe chiamare la giuria del Darwin Award per farle mandare un premio. La cosa da notare è il comportamento delle sinistre e in particolare della sua famiglia: l’ideologia di sinistra è un AIDS mentale che ti impedisce di vedere la realtà e la sostituisce con una serie di favolette degne della Disney degli anni ’60. I sinistri non ammetteranno MAI quando i fatti gli danno ragione, per quanto evidenti siano. Il sinistrorso rifiuta il rapporto con la realtà, e lo sostituisce con delle belle favolette che resistono solo fino a che tale sinistrorso rimane nel suo caffè intellettuale a sorbire caffè guatemalteco equosolidale da 30 euro a tazzina con i suoi amici hipster.

Il caso di Pippa è quello che succede quando i sogni si scontrano con la realtà. Alla fine la realtà vince. Cosa avrà pensato Pippa mentre veniva strangolata? Forse continuava a credere nella pace e nella fiducia nel prossimo? Forse all’ultimo ha capito di essere sul punto di morire per avere seguito una ideologia idiota? Non lo sapremo mai.

Conclusioni 2

Si presume che l’intellettuale, dato che ha studiato, sia in grado di sapere di più e di capire di più della realtà rispetto a chi non ha istruzione. Il problema è che spesso gli intellettuali fanno e dicono cazzate tali da farti credere che gli sia stato aspirato via il cervello con un aspirapolvere. Proviamo ad immaginarci la storia di Pippa Bacca, se fosse avvenuta in una casa di proletari siculi:
Papà, senti, voglio andare a fare un viaggio fino a Gerusalemme, ma in autostop e vestita da sposa, per dimostrare che la pace e la fiducia nel prossimo sono possibili. Mi ci mandi?

Che minchia dici?

Allora, pà, voglio andare da Milano a Gerusalemme chiedendo l’autostop ai camionisti, da sola e vestita da sposa. Posso?

 MA CHI MINCHIA RICI? TU SI FUODDRE! MA MANCU PU’ CAZZU! TU TINNI STAI N’CASA!
Ecco, in questo caso il padre siculo con la terza elementare e vari precedenti penali fa una scelta più intelligente rispetto a quella della famiglia di Pippa. A questo punto la domanda è:
“Che senso ha studiare per anni, se poi fai delle scelte peggiori di quelle del carrettiere siculo con la terza elementare?”
Negli ultimi anni c’è stata una bruttissima deriva populista. Il popolo semianalfabeta ha iniziato a perdere la fiducia verso quelli che hanno studiato e a ritenere tutte le persone istruite come dei coglioni inutili e incapaci di rapportarsi con la realtà al di fuori dei loro quartierini fighetti e delle loro aule universitarie. Ma come dargli torto, quando succedono cose del genere?
OK, cose del genere sono orrende, bestiali, una vera rivolta dei somari ripetenti che prendono a sberle il primo della classe perchè li fa apparire come degli idioti. Ma, ripeto, come dargli torto? Gli intellettuali hanno ignorato il loro compito, ossia capire la realtà più e meglio degli ignoranti. Invece, hanno preferito diventare i seguaci di una ideologia fighetta radical chic che somiglia solo vagamente agli ideali di sinistra. Alla fine, è colpa loro se il popolo li considera dei coglioni, se non dei corrotti. E’ solo colpa loro.

Per non dimenticare – Il caso del Dr. Roberto Burioni

Cari mongolini, oggi parleremo di un caso mediatico apparentemente banale, ma che rivela come la mente degli italiani non sia ancora andata completamente in merda. Il caso di cui parleremo è un post FB da parte del Dottor Roberto Burioni, medico e docente di virologia e immunologia.
Tale uomo, oltre a capirne parecchio del suo lavoro, è noto perchè fa una cosa completamente fuori da tutte le norme di Internet. Credeteci o no, il Dr. Burioni ha un profilo Facebook che usa per diffondere informazione, rispondere garbatamente a domande e in generale diffondere la conoscenza. Con quale coraggio quest’uomo usa Internet e soprattutto Facebook per uno scopo contrario allo scopo originale (ossia spandere merda e vendere spazi pubblicitari)!
Tornando a noi, Burioni parlava dei casi di meningite e i suoi consigli erano molto semplici, ossia: “vaccinate i vostri figli contro la meningite se non volete che diventino così:
Ecco cosa ti può capitare con la meningite: puoi finire davanti a una bandiera con un bambino non tuo in mezzo ai coglioni!
Gli sfidanti
 Il messaggio era chiaro e semplice, cosa può andare male nel comunicare una cosa del genere?
Grandi esempi di guerrieri ariani e di paladini della razza bianca!
Vi presento i forzanovisti, ossia i peggiori sfigati tra tutti i gruppi skinhead d’Europa. La loro strategia comunicativa consiste nello sparare idiozie degne di un ricoverato al Cottolengo, sperando che qualcuno le senta, si incazzi, gli dia corda e li salvi dal loro destino di irrilevanza e di sfiga inguaribile. Tra le loro ultime sparate c’era il dare la colpa dei casi di meningite agli immigranti. Il Dr. Burioni gli ha fatto notare amichevolmente che ciò non è vero, dato che la meningite diffusa nei paesi africani è di tipo diverso da quella dei casi italiani:
Caso chiuso, a meno che non siano immigranti canadesi.
Intendiamoci, io sono contro l’immigrazione. Il problema è che ci sono tantissimi motivi seri e validi per essere contro l’immigrazione. Aggrapparsi alle minchiate non ti fa guadagnare consensi se non tra i forzanovisti e le persone sofferenti di gravi tare genetiche.

Lo scontro

A questo punto i nostri amiconi sofferenti di alopecia hanno iniziato a riempire la bacheca del medico di messaggi deliranti, accuse, insulti e articoli scientifici citati a cazzo di cane da parte di gente che non sa neanche l’italiano. Il dottore, molto intelligentemente, ha capito di avere a che fare con degli svantaggiati e che discutere con loro sarebbe stata solo una perdita di tempo. Alla fine, non vale la pena andare a litigare con un porco nel porcile: tu ti smerdi di liquame, e lui si diverte. Ecco cosa è successo:

 

Un genio. Punto.

I risultati dello scontro

Tale post ha generato una reazione enorme nel Web italiano, del tutto sproporzionata rispetto al contenuto. La cosa che ha impressionato molti è stata come un uomo abbia finalmente avuto il coraggio di dire: “No, ignoranti del cazzo. Non avete diritto di spandere la vostra merda qui. La vostra ignoranza non va giustificata, non va coccolata e soprattutto non va esaltata. E ora piantatela di rompermi i coglioni, la mia parola vale più della vostra perchè ho studiato.
Vi rendete conto? In un’Italia dove da decenni si celebra l’ignoranza come se fosse un merito, e dove si insulta ferocemente quello che ha studiato perchè è uno “sfigato” o un “secchione”, quest’uomo ha osato dire che l’ignoranza vale meno della cultura! L’Italia di oggi è un posto dove se provi a vantarti di avere letto o studiato qualcosa diventi uno stronzo vanitoso, ma se ti vanti di avere comprato un cellulare indebitandoti per i prossimi 10 anni, allora sei troppo figo.

Conclusioni

Per una volta le conclusioni sono positive. C’è ancora qualcuno che riconosce il valore della cultura e che ha le palle di dirlo in pubblico. A giudicare dal numero di likes e di condivisioni, tanti altri condividono le sue idee anche se magari non le possono esprimere in pubblico per non farsi linciare.
Ovviamente, grullini e altri che campano sull’ignoranza altrui hanno il bruciaculo, ma ciò è un bene. Non si può fare felici tutti al mondo, bisogna scegliere. Preferite che avvenga qualcosa che renda felice questo:
O questo?

Ah, dimenticavo, seguendo l’esempio del compianto Fanelli, questo blog continua a censurare orgogliosamente i commenti contenenti eccesso di idiozia. Anzi, in generale il commento dell’italiano medio viene cancellato a priori, quindi se vi vedete pubblicati vuol dire che avete scritto qualcosa di sensato. Se non vi sta bene, rivolgetevi a siti più adatti al vostro livello intellettivo:

www.youporn.com
www.xhamster.com
www.ilsacroplogdipepegrullo.it
http://g.e-hentai.org/
www.facebook.it 

UPDATE— UPDATE— UPDATE— UPDATE— UPDATE— UPDATE— UPDATE

Grazie all’eroico intervento di uno scienziato di Facebook, l’identità segreta del Dr. Burioni è venuta alla luce!

 

Che sia chiaro a tutti: da bravo rettiliano purosangue di Delta Reticuli, il Rettiliano Verace si dissocia pubblicamente dalle opinioni del Dr. Burioni, pessimo rettiliano di seconda classe proveniente da Alpha Draconis, la Napulè dell’Impero Rettiliano!

 

 
 
UPDATE— UPDATE— UPDATE— UPDATE— UPDATE— UPDATE— UPDATE
Sembra che le chiavi di ricerca più usate per cercare questo articolo siano “Burioni faccia di merda”. Come al solito ho sopravvalutato l’intelletto degli italiani. 

Per non dimenticare – Il caso di Maria Ladenburger

Cari amici, oggi farò la mia parte contro il buco nero della memoria (per quelli che siano riusciti a leggere 1984, ma figuriamoci, voi coglioni al massimo sapete leggere il libro delle barzellette di Totti) che affligge Internet. Il caso di Maria Ladenburger è recente, ma sembra che sia sparito misteriosamente dai media.

La protagonista

Vi presento Maria Ladenburger, 19 anni, figlia di un pezzo grosso di avvocato che lavora per la Commissione Europea, l’organo legislativo dell’UE. Carina, no? Maria ha avuto una vita piacevole: nata e cresciuta nella zona ricca della Germania, di buona famiglia e con tanti amici. Maria studia medicina, è molto impegnata nel sociale e fa volontariato presso i rifugiati nel tempo libero, insomma è bella, brava e buona. Cosa potrebbe andare male in una vita del genere?

Lo sfidante

Ecco a voi Hussein Khavari, proveniente dall’Afghanistan. Anche se ha più o meno la stessa età di Maria, ha avuto una vita molto diversa. Ad esempio, è nato in Afghanistan ed è stato costretto ad emigrare in Europa per colpa della guerra imperialista voluta dall’uomo bianco europeo maschio ed etero!
Ovviamente, è colpa dei bianchi se Hussein ha rapinato e tentato di uccidere una donna in Grecia. I greci lo hanno preso e condannato a dieci anni di carcere, ma probabilmente quei pezzenti avevano finito i fondi per le galere e hanno preferito mandarlo via a calci in culo.
Cosa ha fatto il nostro giovane eroe quando ha capito che l’Europa gli concedeva di rapinare e ammazzare le ragazze e di uscirsene pulito? Insomma, dovete capirlo, poverino! In fondo, lui viene da un posto dove le donne girano infagottate nei sacchi della munnizza e dove al massimo ti puoi scopare una capra (dopo averla sposata). Non è colpa sua se tutte quelle svergognate europee gli giravano attorno senza neanche il velo!
Legge e cultura islamica

Il nostro eroe si è presentato alla frontiera tedesca come “rifugiato minorenne non accompagnato”, probabilmente raccontando una storia strappalacrime su come tutta la sua famiglia fosse stata massacrata da un drone americano e su come fosse riuscito ad attraversare mezzo mondo da solo, orfano, senza soldi e a piedi, pur di raggiungere la Germania. Ovviamente i pirla di assistenti sociali gli hanno creduto e lo hanno dato in affidamento a una famiglia tedesca.

L’incontro

 Ora, cosa è successo secondo voi quando la protagonista e lo sfidante si sono incontrati durante una serata romantica a Freiburg? Questo:
Oh, no! Ora i razzisti useranno questo caso isolato per far chiudere le frontiere!
Maria è finita violentata, sgozzata come un capretto e scaricata in riva al fiume come un sacco di munnizza. I poliziotti tedeschi hanno preso immediatamente il nostro eroe, hanno verificato la corrispondenza del DNA e lo hanno incarcerato. Il caso è sparito da tutti i giornali e da Internet con una velocità impressionante, e i tedeschi hanno deciso di dimenticare alla svelta.

Conseguenze 1

 Angela Merkel, dico a te. Il sangue di quella ragazza è sulle tue mani. La tua politica dell’accoglienza a braccia aperte ci ha dato queste cose. E’ TUA responsabilità, TUA soltanto. A questo punto capisco le azioni di Breivik, e capisco perchè abbia deciso di compiere i suoi attentati contro i politici locali e non contro i musulmani immigrati. Alla fine, fare saltare in aria una moschea piena di immigrati è inutile, per ognuno che salta in aria ne arriveranno altri venti. I veri responsabili sono i politici e gli imprenditori che hanno creato le condizioni per l’immigrazione di massa. Sono loro che vanno puniti.
Anders Breivik – patriota, martire, santo, eroe.

Conseguenze 2

Durante il funerale, i genitori di Maria hanno invitato quelli che volevano fare qualcosa in suo nome a donare per le ONLUS a favore dei rifugiati.
Crescere nell’Europa multikulti!
In pratica, hanno seguito il tipico bispensiero di sinistra: il sinistrorso vorrebbe un mondo in cui tutti gli immigrati e i rifugiati sono brave persone rispettose delle leggi e capaci di essere integrate nella società moderna. Il problema è che la realtà finisce sempre per contraddire i sogni. Ci sono tante persone integrabili tra i rifugiati, ma ci sono anche criminali, pazzi, terroristi o semplicemente persone con una cultura che li rende incompatibili con la vita nel ventunesimo secolo. Però il sinistrorso non vorrà mai accettare una realtà così dura, quindi farà di tutto pur di cancellare i fatti che contraddicono la sua visione del mondo. Il sinistorso dirà sempre che si tratta di balle, di propaganda, di fatti distorti e di “razzismo”. Anche quando i fatti sono chiari, il sinistorso li cancellerà dalla memoria il giorno dopo, facendo finta di non conoscerli quando parlerà con altri sinistorsi o gente che non li conosce. Le frasi preferite del sinistrorso sono: “Ah, non è vero!” e “Ah, non ci credo!”, insieme alle accuse di razzismo e islamofobia.
Quando il sogno si scontra con la realtà, il sogno perde SEMPRE.
Insomma, il sinistrorso europeista è quello che continua ad essere pro immigrazione anche dopo che la sua stessa figlia è stata stuprata e uccisa. Quanto credete che gli freghi del fatto che voi abbiate problemi con gli immigranti? Quanto pensate che gli interessi del fatto che voi rischiate la vita quando uscite o che le vostre donne rischino di finire come Maria?

Conclusioni

Il sinistorso medio è una cosa tipo questa:
E’ inutile discuterci, inutile portargli davanti i fatti, inutile cercare di farli ragionare, inutile mostrargli il pericolo a cui si stanno esponendo. Nel loro mondo fatato l’Islam è buono e tollerante e sono tutti tolleranti e buoni, a parte quei cattivacci di destra. I sinistrorsi continueranno a credere nel loro mantra di tolleranza, anche quando finiranno così:
O così:

 

Il problema è che a questo punto sarà troppo tardi anche per noi. Quando avremo la Shariah in Europa saranno cazzi acidi per tutti, non solo per quelli che se li sono meritati e cercati! Gli unici che se la passeranno bene saranno quelli che hanno pianificato coscientemente tutto fin dall’inzio. Mi domando chi siano!

 

Per non dimenticare – Il caso di Don Seppia, frociazzo, drogato, pedofilo, sieropositivo e libero

Cari piccoli amici, oggi mi sono trovato a riguardare una vecchia notizia dato che ero curioso di sapere come fosse andata a finire. Come ben sapete, spesso i fatti di cronaca italiani vengono strombazzati a morte nei primi giorni e poi dimenticati, anche perchè l’italiota medio ha la stessa memoria di uno scarafaggio. Molto spesso i fatti di cronaca hanno seguiti che la gente non si immagina neanche, anche perchè vengono dimenticati del tutto dopo poche ore.

Premessa

Vi presento Don Seppia, parroco genovese in una parrocchia a rischio:

Ah, no, scusate, ho sbagliato foto! Quello è Dio! Allora, riprovo, eccovi Don Riccardo Seppia in tutto il suo splendore:

Si, lo so che le due foto sono praticamente indistinguibili, ma non è colpa mia. Aspè, provo con una foto dopo l’arresto, magari ha un aspetto un pò meno suino.
Che faccino pentito, poveretto! Continua a sembrare un suino, ma penso sia colpa della genetica. 

I fatti

Nel 2011, venne fuori che un parroco di Genova, un certo Don Seppia, avesse una predilezione per i ragazzini minorenni, particolarmente quelli dai dieci ai quattordici anni:
Linko articoli del Corriere e della Repubblica, perchè altrimenti i cristianacci direbbero che sto linkando pagine di siti atei, comunisti e satanisti che vogliono solo rovinare l’immagine della Santa Madre Chiesa.
Tale scoperta non avvenne grazie alle indagini interne della Curia o alle denunce dei bambini molestati, ma solo per caso dato che i poliziotti stavano indagando su un giro di cocaina nelle palestre genovesi frequentate dai finocchi. Don Seppia finì nell’inchiesta per caso, e se non ci fosse finito probabilmente sarebbe ancora a piede (e cazzo) libero a inculare bambini.
Il frociazzo pedofilo e drogato viene arrestato quasi subito, ma una lettura attenta dei giornali fa venire fuori il fatto che le sue “tendenze” fossero note ai superiori da molto tempo:
Inoltre, c’erano state varie denunce a cui non era stato dato seguito, probabilmente grazie a “pressioni” della Curia. Dopo la condanna a nove anni e sei mesi per pedofilia, arriva la sorpresa:
Il nostro pedofilo preferito è libero grazie alla scadenza dei termini. Sembra che gli avvocati pagati dalla Santa Madre Chiesa abbiano fatto bene il proprio lavoro. Don Seppia è libero dopo soli quattro anni in un carcere-hotel come quello di Sanremo, e ora è ospite di una cooperativa religiosa. Non si esclude che di tanto in tanto non gli mandino qualche bimbo da inchiappettare.

Conseguenze

Cosa impariamo da ciò?
Primo, la Santa Madre Chiesa difende sempre i propri preti e non è troppo infastidita quando scopre che hanno tendenze pedofile. I preti pedofili vengono aiutati, coperti e protetti, anche perchè probabilmente non vogliono che parlino. Probabilmente Don Seppia sapeva dei giri pedofili di molti suoi superiori, e ha ottenuto la protezione in cambio del silenzio.
Secondo, quelli che dicono che la Chiesa è buona e giusta e che i preti malvagi e pedofili sono pochi stanno contando cazzate sapendo di contare cazzate. I traffici di Don Seppia erano noti da anni. Se i suoi superiori avessero voluto liberarsene, lo avrebbero fatto molti anni prima spretandolo oppure “invitandolo” alla vita monastica. Se non lo hanno fatto, vuol dire che le cose non gli andavano così male. Escludo categoricamente che Don Seppia fosse una specie di Arsenio Lupin in grado di tenere una doppia vita fin dal 2003. C’erano state denunce, c’è stata la degenza in ospedale causa HIV ed è IMPOSSIBILE che i superiori non ne sapessero nulla.
Terzo, non c’è assolutamente niente di buono nella Santa Madre Chiesa, niente che si possa riprendere. Se i superiori fanno cose di questo tipo, allora vuol dire che tutta l’organizzazione è marcia fino al midollo. Uno come Don Seppia è solo la punta dell’iceberg, e non è da escludere che fosse una “vittima sacrificale” e che sia stato incarcerato per proteggere altri più grossi e più importanti di lui.
Quarto, quando cercate di spiegare queste cose a qualcuno, ricordatevi che una persona può essere intelligente, onesta e cristiana, ma solo con due qualità alla volta. Il che significa che:
  • Se uno è onesto e intelligente, non potrà essere cristiano.
  • Se uno è cristiano e intelligente, allora è un ladro o un pedofilo in incognito.
  • Se uno è onesto e cristiano, allora è completamente cretino.